Silvio Berlusconi, consulente finanziario

Nel 2008 Berlusconi consigliò ai risparmiatori di comprare azioni Eni, Enel e Mediaset, promettendo che avrebbero raddoppiato l'investimento

Due anni dopo, vediamo come sarebbe andata grazie al meritevole lavoro di un blogger

Due anni fa, durante una conferenza stampa, il presidente del consiglio parlò con i giornalisti della crisi economica in corso e dei suoi effetti sulle aziende quotate in Borsa e sui risparmiatori.

A un certo punto Berlusconi fece un paragone tra la crisi in corso e quella del 1929. “Non è come allora. Nel ’29 le azioni a Wall Street crollarono perché le aziende valevano 100 ed erano quotate 1000. Oggi è il contrario. Le aziende valgono 100 e sono quotate 50. Aziende quali ENI, ENEL, Mediaset…”. Subito dopo completò l’argomento, consigliando di “comprare Eni e Enel, perché le azioni con quei rendimenti dovranno ritornare al loro vero valore”. Il video della conferenza stampa è qui. Berlusconi disse che i risultati deludenti sui mercati erano da imputare al pessimismo generato dall’eccessivo indulgere dei giornali sulla crisi economica, e che nel giro di un paio d’anni i titoli di quelle aziende avrebbero raddoppiato il loro valore.

All’epoca ci furono varie polemiche: un po’ perché le dichiarazioni di Berlusconi condizionarono l’andamento del mercato, facendo salire il valore delle azioni citate; un po’ perché tutte e tre le società vedono in misura minore o maggiore un interesse dello stesso Berlusconi, in qualità di imprenditore o in qualità di capo del governo. Qualcuno nell’opposizione si lamentò, denunciando un’operazione al limite dell’aggiotaggio. Dopo una settimana, però, della promessa già non ne parlava più nessuno: una di quelle cose infilate in una conferenza stampa per tenere in piedi una dichiarazione e giustificare qualche titolo dei giornali.

Intanto però sono passati due anni: abbastanza da verificare la bontà dei consigli dati dal premier ai risparmiatori italiani. Durante questo periodo il blog Jonkind ha tracciato pazientemente, mese dopo mese, l’evoluzione del portafogli di un investitore immaginario, “Emilio”, alle prese con le dritte di Silvio Berlusconi. Emilio ha investito 120 mila euro in ENI, ENEL e Mediaset, due anni fa, con la promessa di raddoppiare il suo capitale. Il risultato non è stato all’altezza delle aspettative.

Invece che raddoppiare il loro valore, come diceva Berlusconi, le azioni dell’ENEL hanno perso il 15 per cento. Quelle dell’ENI hanno aumentato il loro valore del 16 per cento: abbastanza da annullare le perdite delle azioni ENEL ma ben lontane dalla quota promessa. L’aumento migliore è registrato dall’azienda del premier, Mediaset, che è cresciuta del 38 per cento: lontano dal 100 per cento promesso dal premier ma comunque parecchio. In definitiva, però, il pacchetto consigliato dal premier non frutta che il 15 per cento. Emilio guadagna 17 mila euro in due anni, avendone investiti 120 mila.

Nel corso della conferenza stampa, Berlusconi consigliò di puntare su aziende con price earning – il rapporto tra prezzo e utili – compreso tra 8 e 20, alludendo al fatto che quelle con un rapporto superiore a venti fossero sopravvalutate e quindi destinate a perdere terreno. In quel momento tra le aziende con un price earning superiore a 20 c’erano Apple, Google e Amazon. Jonkind ha fatto allora un’altra simulazione, per vedere cosa sarebbe successo se Emilio avesse investito il suo patrimonio sulle aziende sconsigliate dal premier: e insomma, invece che perdere terreno, i titoli di quelle aziende in questi due anni hanno attraversato crescite ripidissime. Emilio avrebbe guadagnato il 241 per cento del suo capitale, quasi una volta e mezza.

Non che si possa fare una campagna – giornalistica, o politica – riguardo questa piccola storia: è troppo lontana rispetto ai temi oggi in agenda, temporalmente e concretamente, e la dichiarazione di Berlusconi non fece abbastanza scalpore da far sì che gli italiani se la ricordino, adesso. Nonostante ciò è comunque utile raccontarla. Per il meritevole esercizio di costanza e memoria rispetto alla volatilità delle dichiarazioni di molti politici che hanno la tendenza a spararla grossa, senza un orizzonte che non siano i titoli dei giornali dell’indomani. E perché torna sempre comodo avere un link da girare a quelli che Berlusconi è bravissimo a fare i soldi per lui, quindi sarà bravo a farli fare a noi.