Cosa dice il documento Veltroni

Una sintesi delle cose rilevanti (non tantissime, a dir la nostra)

La costruzione del documento preparato da Walter Veltroni (assieme a Giuseppe Fioroni e Paolo Gentiloni, pare), di cui è stata anticipata una bozza giovedì sera, è del tutto convenzionale: analisi del quadro esistente nella prima parte, “proposta” nella seconda (seguiva gli stessi canoni anche il testo dei “giovani turchi” circolato nel weekend, nonché le relazioni dei segretari del PCI). Nella prima parte si spiegano quindi il fallimento della maggioranza berlusconiana e il preoccupante quadro economico-sociale italiano: sono i due primi paragrafi dei sette che compongono il documento. Il terzo è dedicato all’abbozzo della proposta: generiche dichiarazioni di necessità di riforme e interventi, soprattutto nel settore del lavoro, del settore pubblico, e delle opportunità per i giovani. E un’insistenza maggiore sulla giustizia e la battaglia contro l’illegalità.

Non ci può essere sviluppo dell’Italia, se non si assume come priorità politica la lotta all’illegalità, il contrasto dei livelli politici e finanziari dei poteri criminali, la ricerca della verità sulle pagine più buie e opache della nostra storia collettiva, il prosciugamento delle ragioni sociali del consenso alle mafie nel Mezzogiorno. E’ arrivato il momento di aprire una fase nuova del rapporto tra politica e giustizia. La politica deve assumere il punto di vista dei cittadini in termini di bisogno di legalità e diritto alla giustizia, uscendo finalmente dalla contrapposizione tra giustizialismo e legittimazione dell’illegalità e proponendo a tutte le forze della giustizia un tavolo comune di riforma. Diritti individuali dei cittadini e bisogno di legalità non sono infatti separati e separabili, ma possono vivere solo insieme.

Al punto quattro appare qualcosa che – seppur ancora molto genericamente – può denotare diversamente il documento da quello che potrebbe condividere qualunque altra componente del centrosinistra: la volontà di “rinnovamento”, messa per iscritto e che allude evidentemente a qualcosa di diverso dal “tornare avanti” dei “giovani turchi”.

Una coerente strategia riformista può dunque contare su rilevanti forze sociali, unendole in un progetto che risponda ai bisogni dei più deboli facendo leva sui meriti dei più capaci. Questa strategia non può essere incardinata prevalentemente attorno ad obiettivi di difesa della realtà presente, aggredita dall’attacco della destra populista. Al contrario: l’alleanza da promuovere è tra chi ha bisogno del cambiamento, ma da solo non può realizzarlo perchè non sa, non ha, non può abbastanza e chi vuole il cambiamento, perchè sa progettarlo, ha interesse a promuoverlo, ha le relazioni necessarie per realizzarlo.

Al punto 5, abbiamo scollinato, entra in scena il Partito Democratico. Veltroni rivendica la bontà del risultato elettorale – pur definendolo evidentemente una “sconfitta” – e la sintesi del suo ragionare è: la “crisi del berlusconismo” rimette in gioco quella macchina che stava crescendo e aveva dato fiducia a “un italiano su tre”. E qui uno si aspetta che finalmente l’ex leader spieghi come mai quella macchina si sia bloccata, fino a costringere Veltroni alle dimissioni.

Così non è stato fin qui, o non lo è stato abbastanza, per responsabilità diffuse e condivise. Non si spiegherebbe altrimenti il paradosso per il quale il Pd è riuscito ad ottenere quasi il 34 per cento dei voti nel momento di massima difficoltà per il centrosinistra e di massimo consenso al berlusconismo e fatica oggi a stare sopra il 25 per cento, in piena crisi politica del centrodestra.

Il fatto è che al 25 per cento nei sondaggi il PD ci era già sceso durante il periodo in cui Veltroni era segretario. E insomma, un solido argomento che risponda alla domanda “cosa dovrebbe essere cambiato oggi rispetto alla tua dichiarazione di fallimento del 2009?”, non c’è. E con leggerezza, il documento passa a dire cosa non si deve fare: non si deve fare una cosa “frontista”, tirando dentro tutti, e non si deve fare una cosa “centrista”, corteggiando l’UDC, per capirsi. La prima è una scelta povera e priva di progetto, la seconda ci ributta nei traffici di accordi di governo e alleanze precarie: di superare il progetto bipolare, come propongono in molti, Veltroni non vuole sentire parlare.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.