• Italia
  • sabato 14 agosto 2010

Dove finiscono gli aiuti per i rom?

Ogni anno l’Unione Europea destina ingenti finanziamenti a Ungheria e Romania perché questi assistano le loro numerose comunità rom, scoraggiando la loro migrazione negli altri paesi comunitari. Questo genere di programmi però ha ottenuto finora risultati piuttosto scarsi, e il ministro francese Pierre Lellouche poche settimane fa aveva sollecitato un confronto su “un problema reale del quale è arrivato il momento di occuparsi concretamente”. Tra il 2007 e il 2013 l’UE spenderà circa 13 miliardi di euro per i rom e altri gruppi definiti “vulnerabili”. I fondi strutturali comunitari cofinanziano progetti per la prima infanzia, l’istruzione e il lavoro. Ma questi soldi vengono spesi con estrema lentezza e su programmi discutibili, racconta Le Monde.

Il dibattito sull’integrazione dei rom in Europa invocato da Francia, Italia e Svezia non trova soluzione. Pierre Lellouche, segretario francese agli affari europei, aveva sollecitato alcune settimane fa un confronto “urgente” su “un problema reale del quale è arrivato il momento di occuparsi concretamente”.

Ricordando i problemi della delinquenza minorile, ma anche delle reti della prostituzione e dei traffici di bambini in Francia, Lellouche aveva puntato il dito contro i flussi di “popoli che non cercano in alcun modo di integrarsi”, la responsabilità dei paesi d’origine dei rom (nove milioni dei quali hanno un passaporto europeo), o ancora la relativa inerzia della Commissione europea che, come sottolinea Lellouche, spende molti soldi proprio per facilitarne l’integrazione. La Svezia ha avanzato da parte sua la richiesta di un “piano d’azione vincolante”, che “risponda concretamente a una situazione d’emergenza”.

Questi governi hanno preso di mira anche alcuni paesi d’origine, accusati di eludere i propri doveri di assistenza. Oltre alla Bulgaria (da dove provengono 750mila rom, secondo le stime) e la Slovacchia (500mila), le critiche si sono concentrate sulla Romania (ufficialmente 537mila rom, più verosimilmente circa due milioni). E Bucarest ha promesso di darsi da fare. Come primo passo ha nominato un segretario di stato responsabile per i rom rimpatriati, ma in seguito ha anche protestato per la distruzione degli accampamenti in Francia e per il “biasimo pubblico” di cui è fatta oggetto.

(continua a leggere su Presseurop)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.