• Italia
  • martedì 13 luglio 2010

La spallata alla ‘ndrangheta

Che cosa gli arresti di oggi ci dicono della 'ndrangheta e della sua influenza nella politica lombarda

Un’operazione di polizia e carabinieri senza precedenti nel recente passato ha portato questa mattina a oltre trecento arresti, nell’ambito di un’inchiesta sulla ‘ndrangheta. L’operazione ha visto impegnati tremila uomini delle forze dell’ordine: la maggior parte degli arresti sono stati eseguiti in Calabria e in Lombardia. Inoltre sono stati posti sotto sequestro beni mobili e immobili per un valore di decine di milioni di euro. L’operazione ha colpito le più importanti famiglie della ‘ndrangheta delle province di Reggio Calabria, Vibo Valentia e Crotone. Molte di queste, secondo gli inquirenti, sono state praticamente smantellate dall’operazione odierna: tra queste i Commisso di Siderno, i Pelle di San Luca, gli Acquino-Coluccio ed i Mazzaferro di Gioiosa Ionica, i Pesce-Bellocco e gli Oppedisano di Rosarno, gli Alvaro di Sinopoli, i Longo di Polistena, gli Iamonte di Melito Porto Salvo.

Come funziona la ‘ndrangheta
Questa operazione è molto importante non solo per le sue dimensioni ma anche perché svela la struttura della criminalità organizzata calabrese: la sua gerarchia, il suo funzionamento. Per anni infatti si è pensato che le organizzazioni criminali calabresi fossero diverse da quelle siciliane, caratterizzate da una catena di comando ben definita: dietro la difficoltà di ricostruire un tale schema per la ‘ndrangheta – organizzazione dai contorni ben più ignoti e misteriosi, rispetto alla mafia – si pensava ci fosse una struttura orizzontale e frammentata, poco gerarchica. L’operazione che ha condotto agli arresti di oggi mostra un quadro del tutto differente, spiega Repubblica.

La ‘ndrangheta sinora non era mai stata considerata come una struttura unitaria, cioè non sembrava “come” Cosa Nostra. E se allora, per stabilire le regole in Sicilia, ci volle il pentito Tommaso Buscetta, qua, oggi, per comprendere le regole calabresi è stato necessario un lavoro certosino. Ma, piano piano, sono emersi i tre mandamenti della ‘ndrangheta in Calabria, poi un organo di vertice, che “ne governa gli assetti, assumendo o ratificando le decisioni più importanti”. E poi esiste – ed è sorprendente – “La Lombardia”, cioè la federazione dei gruppi trapiantati al Nord, con una “Camera di controllo deputata al raccordo tra le strutture lombarde e calabresi”. Una “struttura unitaria”, accusano i pm.

Ci sono due video che hanno aiutato gli inquirenti a ricostruire la gerarchia e il funzionamento delle famiglie calabresi. Il primo video è stato registrato a Paderno Dugnano, in un centro paradossalmente intitolato ai giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Mostra una riunione dei vertici dei clan calabresi del nord Italia, durante la quale per alzata di mano viene scelto il “mastro generale”. Il secondo filmato è stato registrato in Aspromonte e mostra un’altra riunione simile.

“La Lombardia”
La fortissima presenza della ‘ndrangheta in Lombardia e nel nord dell’Italia è un altro elemento fondamentale dell’inchiesta, che conferma l’attivismo delle organizzazioni criminali nel tentativo di accaparrarsi – tra gli altri – gli appalti dell’Expo 2015 e dell’autostrada del Brennero. Fra i trecento arresti effettuati da polizia e carabinieri ci sono poi diversi personaggi della pubblica amministrazione lombarda, e decine di politici – “molti di questi leghisti”, scrive l’Unità – sarebbero sotto indagine per concorso in associazione mafiosa e corruzione. Quello che sappiamo per certo è che questa mattina è stato arrestato anche il direttore dell’ASL di Pavia, Carlo Antonio Chiriaco, l’assessore comunale di Pavia Pietro Trivi, l’ex assessore provinciale milanese Antonio Oliviero. Un altro arresto eccellente è quelli di Pino Neri, ritenuto il capo della ‘ndrangheta in Lombardia: secondo Repubblica Neri è accusato tra le altre cose di avere “convogliato voti elettorali su indicazione di Antonio Chiriaco, direttore della Asl di Pavia, […] a favore del deputato del Pdl Giancarlo Abelli, che risulta estraneo ai fatti e non è indagato”. Ma c’è molto altro.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.