Sunday Post

I consueti consigli della domenica su quello che forse vi siete persi questa settimana

E insomma: va bene che è domenica, va bene che siamo quasi in estate, va bene che fa bel tempo, va bene che ci sono i mondiali. Ma non penserete mica che non sia il caso di farsi un giro tra le cose migliori che abbiamo pubblicato questa settimana, vero?

Se siete in spiaggia o in montagna e leggete con un iPad o un iPhone, potrebbe interessarvi il riassuntone sul nuovo iPhone 4 oppure la storia su come il New York Times stia facendo casino per via di un semplice feedreader per iPad. Se invece restate a casa, magari a guardare le partite, tenete il pc acceso e gettate un occhio ogni tanto sul nostro Speciale mondiali. Il computer vi servirà anche a guardare tutte le partite, se non avete Sky, usando uno dei vari siti che fornisce indirizzi per vedere gli incontri in streaming. Se volete vedere le partite su iPad, beh, per ora scordatevelo.

Gli articoli più letti questa settimana sono stati:

Svelato il mistero del giornale apparso in molte serie tv
A un certo punto qualcuno si è accorto che la stessa copia dello stesso giornale appariva in decine di film e serie tv: la storia ha girato un bel po’ in rete e poi è venuto fuori che si trattava di un oggetto di scena, stampato negli anni Sessanta (nel pezzo, una galleria di altri oggetti di scena che potrebbero esservi familiari)
Radiodue chiude anche Dispenser
Dispenser va in onda tutti i giorni da dieci anni, dal 2007 è condotto da Costantino Della Gherardesca e Federico Bernocchi. I responsabili del programma sono venuti a sapere della chiusura da un articolo di giornale: la rete ha confermato
Non cambiate canale
Nike, Adidas, Budweiser, Coca Cola e un sacco di altri marchi, nelle migliori pubblicità sui mondiali di calcio

Ci sono poi delle cose che a noi sono piaciute molto, o sono sembrate particolarmente importanti e interessanti.

“Sono il campione della menzogna”
L’intervista del País a Tommaso Debenedetti, il giornalista delle interviste inventate
Perché le videochiamate non avranno successo
Nel giorno in cui il nuovo iPhone ripropone le videochiamate, ci è venuto in mente l’illuminante passaggio del romanzo “Infinite Jest”, in cui David Foster Wallace ci spiega perché quando parliamo non vogliamo vederci in faccia
No, non erano i rom
Lunedì scorso un neonato è stato rapito all’ospedale di Nocera. Per fortuna è stato trovato salvo dopo poche ore, ma intanto sui siti di notizie si era diffusa la notizia di una presunta “pista rom”. Che non c’entrava niente, come spesso accade quando si parla di rapimenti di minori

Anche questa settimana, poi, ci siamo occupati molto di scuola: della sua situazione generale, di come la manovra finanziaria del governo la stia compromettendo e peggiorando, di come in giro per l’Italia i professori e le famiglie si stanno organizzando per protestare o semplicemente arrangiarsi.

Dieci cose sulla scuola italiana
Il caos del tempo pieno e Il tempo vuoto
La scuola moribonda, spiegata sugli autobus

Sui blog, le cose più lette sono state:

Luttazzi, bastava dirlo di Marco Simoni
I compensi RAI nei titoli di coda, una cialtronata di Filippo Facci
Il sistema solare finisce nel forno? di Amedeo Balbi

Buona domenica, allora: noi siamo qua.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.