(Mauro Scrobogna/LaPresse)
  • Politica
  • Questo articolo ha più di un anno

Si continua a parlare del potenziale conflitto di interessi di Guido Crosetto

Domani ha rivelato che il ministro della Difesa ha ottenuto per anni milioni di euro da consulente di aziende con cui ora avrà a che fare

(Mauro Scrobogna/LaPresse)
Caricamento player

Il quotidiano Domani sta pubblicando una serie di inchieste su vari potenziali conflitti di interessi del nuovo ministro della Difesa, Guido Crosetto, ex coordinatore nazionale di Fratelli d’Italia e più volte deputato: una storia nota in alcuni suoi aspetti da diversi anni, che ha riguadagnato attenzioni per via della nomina di Crosetto e per la sua centralità e vicinanza alla presidente del Consiglio Giorgia Meloni.

Fino alla sua nomina a ministro, Crosetto è stato il presidente di AIAD, una importante associazione di categoria che raccoglie quasi 200 aziende nel settore della difesa e delle armi. Solo negli ultimi giorni però, grazie a Domani, sono emersi gli ingenti contratti personali di consulenza che Crosetto aveva stipulato con queste aziende, da cui ha ottenuto negli anni svariati milioni di euro. Queste aziende sono le stesse con cui Crosetto dovrà avere a che fare nel suo nuovo incarico, ed è per questo che in molti stanno ipotizzando un conflitto di interessi: se fino a poco tempo fa Crosetto rappresentava gli interessi economici delle grandi aziende del settore degli armamenti davanti al ministero della Difesa, da cui doveva ottenere gli appalti, ora invece è ministro della Difesa, e dovrà decidere a quali di quelle aziende appaltare le varie forniture.

Pubblicità

Il rischio paventato è che i consolidati rapporti professionali avuti da Crosetto con queste persone e aziende fino a pochi giorni fa possano condizionare le decisioni che si troverà a prendere da ministro della Difesa. Nei giorni successivi alla sua nomina, Crosetto aveva annunciato che nelle prossime settimane avrebbe lasciato tutti i propri incarichi privati e di consulenza, e dopo la pubblicazione degli articoli di Domani ha respinto qualsiasi accusa di conflitto di interessi. Ha anzi annunciato querele, definendo le condanne in sede civile e penale «l’unico metodo che direttori, editori e giornalisti possano intendere, di fronte alla diffamazione».

Guido Crosetto è di Cuneo, ha 59 anni e iniziò a far politica negli anni Ottanta nella Democrazia Cristiana, diventando nel 1990 sindaco di Marene, un piccolo comune nella provincia cuneese. Nel 2001 fu eletto per la prima volta alla Camera con Forza Italia. Continuò a far parte del centrodestra e tra il 2009 e il 2011 fu sottosegretario al ministero della Difesa. Dopo la rottura di una parte della destra con Silvio Berlusconi, nel 2012 fu tra i fondatori di Fratelli d’Italia e alle elezioni politiche del 2018 fu eletto deputato per la quarta volta.

Nato in una famiglia di imprenditori, nei periodi in cui non si occupava ufficialmente di politica Crosetto ha fondato e avviato la gestione di varie società. Dopo il suo incarico da sottosegretario in particolare ha mantenuto uno stretto rapporto con le aziende nel settore della Difesa, diventando presidente di AIAD nel 2014. «Crosetto ha sempre detto di operare per conto dell’associazione a titolo gratuito. Formalmente è così. Tuttavia è un fatto che mentre svolgeva il ruolo di capo della lobby dell’industria degli armamenti percepiva laute parcelle e stipendi da alcune aziende che rappresentava», hanno scritto su Domani Emiliano Fittipaldi e Giovanni Tizian.

Secondo i documenti consultati da Domani, dal 2018 al 2021 Crosetto ha ottenuto per esempio compensi per 1,8 milioni di euro da Leonardo, la principale azienda italiana nel settore della difesa, partecipata al 30 per cento dal ministero dell’Economia. Leonardo ha una natura ibrida a metà fra pubblico e privato, e non è sempre chiaro il confine tra l’una e l’altra. Il legame di Crosetto con Leonardo sembra molto solido: nel 2021 ha ottenuto 619mila euro per varie consulenze, una somma superiore persino allo stipendio del presidente dell’azienda, Luciano Carta, che ne prende 504mila all’anno.

Crosetto ha raccontato a Domani di avere lavorato in Leonardo come consulente «in quanto presidente dell’AIAD. Per intenderci, io non avevo un ufficio a Leonardo, e non rispondevo a nessuno in Leonardo». Non ha però fornito ulteriori dettagli sulle sue mansioni. Contattato da un giornalista della trasmissione Piazzapulita per maggiori chiarimenti, l’ufficio stampa di Leonardo ha risposto: «dubito che ti possano essere date queste informazioni, perché sono riservate fra l’azienda e il consulente».

Mentre Leonardo ha una natura semi-pubblica e lavora soprattutto con le esportazioni, come si legge anche nel resoconto delle sue principali attività nei primi sei mesi del 2022, Crosetto ha avuto relazioni e importanti contratti di lavoro anche con aziende private e che fanno affari in Italia.

A Domani risulta per esempio che Elettronica spa, un’azienda di Roma che lavora soprattutto sui sistemi di difesa elettronici, abbia pagato a Crosetto 198.184 euro fra il 2018 e il 2021 per attività da consulente. Circa un anno fa il ministero della Difesa, lo stesso guidato oggi da Crosetto, commissionò a Elettronica spa – all’epoca cliente di Crosetto – un progetto da 1,5 milioni di euro ancora in corso, a cui Crosetto ora lavorerà trovandosi dall’altra parte.

Crosetto era anche presidente di Orizzonte sistemi navali, una società privata partecipata da Leonardo e da Fincantieri, azienda posseduta dallo Stato italiano attraverso Cassa Depositi e Prestiti, da cui nel 2021 ha ricevuto uno stipendio da 82mila euro.

Il punto della questione non è l’onestà di Crosetto, che di fatto nessuno mette in dubbio: ma l’esistenza o meno di un conflitto di interessi prescinde da questo aspetto. Crosetto si è difeso da queste accuse scrivendo a Repubblica che il ministro della Difesa «dà solo indirizzi politici e strategici»: «Le decisioni pratiche vengono prese tutte dagli uffici, così come prevede la [legge] Bassanini. Il ministro non può decidere nemmeno dell’acquisto di un proiettile». Le cose però non stanno esattamente così.

L’acquisto di armi è affidato al Segretariato generale della Difesa, i cui vertici sono nominati dal presidente del Consiglio su proposta del ministro della Difesa. Fra i compiti del segretario generale, spiega il sito di news Formiche, c’è anche «attuare tutte le direttive del ministro in materia di alta amministrazione, indirizzo e coordinamento delle attività della Difesa». Crosetto potrebbe insomma influenzare direttamente o indirettamente il segretario generale, nominato su sua proposta.

Crosetto ha una vasta rete di conoscenze nel settore della difesa e delle armi, con numerosi intrecci e sovrapposizioni personali e professionali. Dopo le sue dimissioni da presidente di AIAD, l’organizzazione è guidata dal segretario generale Carlo Festucci. Domani ha scoperto che Festucci fa parte del consiglio di amministrazione di Entheos Worldwide srl, un’azienda per lo sviluppo di servizi di telemedicina il cui fondatore è Alessandro Crosetto, figlio di Guido.