Marcell Jacobs dopo aver vinto i 100 metri alle Olimpiadi di Tokyo (Patrick Smith/Getty Images)
  • Sport
  • domenica 1 Agosto 2021

Chi è Marcell Jacobs

Ha vinto la medaglia d'oro nella finale olimpica dei 100 metri, la gara più attesta dei Giochi: nessun velocista italiano ci era mai riuscito

Marcell Jacobs dopo aver vinto i 100 metri alle Olimpiadi di Tokyo (Patrick Smith/Getty Images)

Domenica Marcell Jacobs ha vinto la medaglia d’oro nella gara più attesa e seguita dei Giochi olimpici, la finale dei 100 metri piani. Ci è riuscito al termine di un fine settimana in cui ha superato continuamente se stesso. Nelle batterie ha stabilito un nuovo record italiano (9,94), nelle semifinali ha stabilito il record europeo (9,84), in finale li ha battuti tutti nuovamente andando a vincere con un tempo di 9,80, lo stesso con il quale Usain Bolt vinse il suo ultimo oro in carriera, cinque anni fa. Prima di lui nessun atleta italiano aveva mai partecipato a una finale maschile dei 100 metri.

– Leggi anche: Il video della finale dei 100 metri

Jacobs ha 26 anni ed è nato a El Paso, in Texas, da madre italiana e padre statunitense, negli anni Novanta militare di stanza nella base americana di Vicenza. È cresciuto con la madre a Desenzano del Garda, in Lombardia, e gareggia da quando ha dieci anni, dopo aver provato sia il basket che il calcio. Fino a qualche anno fa si divideva tra la velocità e il salto in lungo, disciplina in cui nel 2016 vinse il titolo italiano. Ma da quando si è spostato soltanto sui 100 metri è diventato uno dei migliori velocisti in circolazione, anche grazie al suo allenatore, l’ex lunghista Paolo Camossi, e alla mental coach Nicoletta Romanazzi.

È stato quattro volte campione italiano sui 100 metri. Due mesi fa aveva corso in 9,95 al Meeting internazionale di Savona stabilendo il nuovo record italiano, nonché il sesto miglior tempo stagionale al mondo. Con quel tempo era diventato il secondo velocista italiano a scendere sotto i dieci secondi dopo il ventitreenne Filippo Tortu, che a Tokyo non è riuscito a qualificarsi alla finale.

Lo scorso 9 luglio, nella tappa di Montecarlo della Diamond League, sia Jacobs che Tortu avevano preso parte alla finale dei 100 metri, cosa già di per sé molto rilevante per gli standard dell’atletica italiana. Jacobs era arrivato terzo, Tortu settimo. Anche dopo quel risultato, il primo aveva detto chiaramente di ambire a una medaglia olimpica.

– Leggi anche: Una giornata storica per lo sport italiano