(Adelphi)

C’è uno sconto del 20 per cento su (quasi) tutti i libri di Adelphi

Abbiamo messo insieme una lista di grandi scrittori da scoprire o rileggere, per chi pensa di fare scorte

(Adelphi)

Negli ultimi giorni l’account Twitter di Adelphi aveva incuriosito alcuni lettori twittando un paio di immagini insieme alla scritta «(spoiler)» e «(spoiler, parte 2)». Le immagini sono fotografie di un campionario di colori in cui è facile riconoscere alcune delle tonalità di vecchie edizioni della casa editrice, e varie persone avevano ipotizzato che le immagini preannunciassero l’uscita di un nuovo libro o di una nuova collana. In realtà anticipavano qualcos’altro: l’annuale campagna di sconti su tutto il catalogo di Adelphi. È cominciata oggi e durerà fino al 15 febbraio. In linea con la nuova legge in materia, gli sconti saranno del 20 per cento e non riguarderanno i libri usciti negli ultimi sei mesi. Per quanto riguarda i soli ebook, ci saranno degli sconti del 50 per cento su alcuni titoli, secondo questo calendario.

Per chi vuole approfittarne per leggere qualcosa di nuovo nei prossimi mesi – che probabilmente dovremo passare, ancora in buona parte, in casa – abbiamo messo insieme una lista di dieci grandi scrittori i cui libri in Italia sono pubblicati da Adelphi, con qualche suggerimento di lettura. Chi invece vorrebbe il poster con l’immagine del campionario che Adelphi ha fatto per le librerie, deve convincere il proprio libraio a cederglielo una volta che la campagna di sconti sarà finita.

Leonardo Sciascia
Cominciamo con Sciascia, dato che è da poco passato il centesimo anniversario della nascita dello scrittore siciliano, uno dei più importanti intellettuali italiani della seconda metà del Novecento. Per l’occasione Adelphi ha pubblicato «Questo non è un racconto», che raccoglie scritti di Sciascia legati al cinema: tre soggetti per film, finora inediti, e riflessioni varie su alcuni attori, sulla nascita dello star system e sul rapporto tra opere letterarie e riduzioni cinematografiche, ad esempio.

Questo libro non è però scontato e non è adatto per cominciare a leggere Sciascia, per chi non l’ha mai fatto. Conviene partire da Il giorno della civetta (AmazonIBS), il giallo del 1961 con cui Sciascia fece capire cosa fosse davvero la mafia (che all’epoca per il governo non esisteva).

Oppure da La scomparsa di Majorana (Amazon, IBS), che racconta la storia del fisico che sparì senza lasciare tracce nel 1938: Sciascia ricostruì il mistero indagando sulle fonti, quasi come nei libri di true crime che vanno di moda in questi anni, facendo poi le sue ipotesi sulla fine di Majorana.

Shirley Jackson
Tra i libri pubblicati più di recente da Adelphi (e quindi non in sconto) c’è anche La luna di miele di Mrs. Smith di Shirley Jackson, una raccolta di racconti finora mai pubblicata in italiano della scrittrice americana. Ammiratissima da Stephen King, Jackson è l’autrice di La lotteria (Amazon, IBS), l’inquietante racconto di fantasia che quando fu pubblicato sul New Yorker, nel 1948, spaventò molti lettori che lo presero per una storia vera.

Negli ultimi anni si è parlato di Jackson per via della serie di Netflix tratta dal suo romanzo L’incubo di Hill House (Amazon, IBS), che racconta di una casa infestata dai fantasmi.

Adelphi ha pubblicato anche Abbiamo sempre vissuto nel castello (Amazon, IBS), che parla di due bizzarre sorelle che vivono con uno zio invalido in una grande casa, dopo la misteriosa morte del resto della famiglia, e Lizzie (Amazon, IBS), che invece ha per protagonista una giovane donna con personalità multiple.

Vladimir Nabokov
Per prima cosa, si pronuncia così: Vladìmir Nabòkov. Da anni è pubblicato da Adelphi e, anche per le sue opere e per la sua scrittura raffinata, si può considerare un autore simbolicamente adelphiano. È probabile che lo conosciate soprattutto per Lolita (Amazon, IBS) o che ne conosciate la storia grazie ai film che ne sono stati tratti, in particolare quello di Stanley Kubrick del 1962. Se così fosse, potreste leggere il romanzo, certamente il suo libro più famoso e anche uno dei più semplici da affrontare.

Oppure potreste tentare con quelli che, a detta di molti, sono i suoi capolavori: Fuoco pallido (Amazon, IBS), un poema in 999 versi scritto da un poeta pedante e immaginario e brillantemente commentato da un eccentrico professore, e Ada, o Ardore (Amazon, IBS), una storia d’amore e una cronaca familiare. Altrimenti potete iniziare con la raccolta di racconti Una bellezza russa (Amazon, IBS); se siete appassionati di scacchi c’è La difesa di Lužin (Amazon, IBS), suo primo successo tra le opere scritte in russo (da un certo punto in poi dovette cambiare lingua, passando all’inglese). Se volete lasciarvi affascinare dal personaggio, infine, c’è il suo memoir Parla, ricordo (Amazon, IBS), che ripercorre la sua fiabesca infanzia in una famiglia aristocratica russa, fino all’esilio in Europa e al trasferimento definitivo negli Stati Uniti.

Jean Rhys e Jamaica Kincaid
Nel catalogo di Adelphi ci sono le opere di due scrittrici che come Nabokov sono un po’ a cavallo tra paesi diversi, anche se a differenza di lui senza cambiamenti di lingua. Sono Jean Rhys, vissuta tra il 1890 e il 1979, e Jamaica Kincaid, nata nel 1949.

Rhys era originaria della Dominica e aveva origini britanniche e creole; dall’età di 16 anni visse in Europa, dove fece prima la ballerina, poi l’artista e la scrittrice, attraversando periodi di grande povertà. Il suo romanzo più noto è Il grande mare dei Sargassi (Amazon, IBS), del 1966: è un prequel di Jane Eyre di Charlotte Brontë, pensato per dare voce a un personaggio a cui si attribuisce (ingiustamente, secondo la visione di Rhys) un ruolo da antagonista. Adelphi ha pubblicato anche altri quattro suoi romanzi. L’ultimo, uscito all’inizio del 2020 e per questo scontato, è Viaggio nel buio (Amazon, IBS), che parla di una giovane donna che, come Rhys, lascia la Dominica per andare a fare la ballerina in Europa.

Jamaica Kincaid invece è originaria di Antigua e Barbuda, ma vive negli Stati Uniti da quando aveva 16 anni. Dal 1976 al 1995 fece parte della redazione del New Yorker e nel corso della sua carriera ha pubblicato cinque romanzi, in buona parte ispirati alle sue vicende personali, tutti tradotti in italiano da Adelphi. Il primo, Annie John (Amazon, IBS), è ambientato ad Antigua e ha per protagonista una bambina che vive un’infanzia felice fino a quando, diventando adolescente, trova in sua madre una nemica. Il più recente invece è Vedi adesso allora (IBS), del 2013, che racconta la storia di un matrimonio finito, tra una scrittrice e un musicista (come Kincaid e il suo ex marito) che vivono in Vermont (di nuovo).

Alan Bennett
Per chi vorrebbe leggere qualcosa di divertente, ci sono vari autori di Adelphi che si prestano bene. Uno di questi è sicuramente il drammaturgo e scrittore Alan Bennett, se avete voglia di umorismo inglese. Un redattore del Post consiglia in particolare il racconto Nudi e crudi (Amazon, IBS), che parla di un agiato avvocato inglese e della moglie che tornando a casa scoprono di aver subito un furto: qualcuno gli è entrato in casa e gli ha tolto anche la moquette, la carta igienica e l’arrosto in forno.

Una redattrice si aggiunge ai consigli suggerendo La sovrana lettrice (Amazon, IBS), un romanzo in cui Bennett ha immaginato cosa succederebbe se Elisabetta II diventasse una lettrice ossessiva, e La signora del furgone (Amazon, IBS), che è invece un libro biografico/autobiografico in cui Bennett racconta la storia di Miss Sheperd, una donna senza fissa dimora che per 18 anni ha vissuto nel vialetto di casa di Bennett, all’interno di un vecchio furgone. L’edizione del 2018 contiene anche la sceneggiatura del film sulla storia di Miss Shepherd, in cui a fare la sua parte è Maggie Smith.

Mordecai Richler
Sempre tra gli autori che fanno divertire, in questo caso con un ammirato esempio di umorismo ebraico, c’è Mordecai Richler, autore di La versione di Barney (Amazon, IBS). Oltre a essere molto divertente e brillante, questo romanzo, da cui è stato tratto l’omonimo film con Paul Giamatti, ha una storia editoriale parecchio interessante: in Italia ebbe un grande successo grazie al Foglio. Piacque così tanto alla  redazione e all’allora direttore Giuliano Ferrara che il giornale decise di fare una campagna di mesi – rubriche, citazioni, interviste, anche due o tre articoli al giorno – per far parlare del romanzo, che arrivò a vendere 300mila copie. Adelphi ha pubblicato anche i romanzi precedenti di Richler, che è morto nel 2001.

Irène Némirovsky
Un altro romanzo pubblicato da Adelphi che ha una bella storia editoriale – anche se triste – è Suite francese (Amazon, IBS) di Irène Némirovsky. È un romanzo ambientato nella Francia occupata dai tedeschi durante la Seconda guerra mondiale, che Némirovsky, che aveva origini ebraiche, non potè mai finire di scrivere: nel luglio del 1942 fu arrestata e deportata nel campo di concentramento di Auschwitz, dove morì il 19 agosto. Il romanzo fu pubblicato in Francia solo nel 2004 (in Italia l’anno successivo) perché la figlia maggiore di Némirovsky, Denise Epstein, che nel 1942 aveva 13 anni, non ne aveva mai letto il manoscritto, conservato in una valigia insieme ad altri scritti della madre. Credeva che fosse un diario e per anni pensò che leggerlo sarebbe stato troppo doloroso. Nonostante sia incompiuto, il romanzo ha avuto un grande successo sia in Francia che in Italia.

Un’altra opera per cui Némirovsky è nota è il racconto Il ballo (Amazon, IBS), che parla della vendetta di una ragazza di quattordici anni contro la madre, egoista e poco affettuosa – come quella dell’autrice – nella Parigi degli anni Dieci. Del rapporto con una madre egoista parla anche il più autobiografico dei romanzi di Némirovsky, Il vino della solitudine (Amazon, IBS), mentre la storia della pubblicazione di Suite francese e non solo si può leggere nel libro di interviste a Epstein Sopravvivere e vivere (Amazon, IBS).

Guido Morselli e Anna Maria Ortese
Infine chi vuole approfittare degli sconti per leggere le opere di uno scrittore italiano che non conosce può prendere in  considerazione Guido Morselli (1912-1973) o Anna Maria Ortese (1914-1998). Morselli è l’autore di Dissipatio H.G. (Amazon, IBS), un romanzo post-apocalittico: il titolo sta per dissipatio humani generis, cioè “scomparsa del genere umano”. Fu pubblicato nel 1977, quattro anni dopo il suicidio di Morselli, che in vita era sempre stato rifiutato dagli editori. Di lui Adelphi ha pubblicato anche gli altri scritti, tra cui Roma senza papa (IBS), ambientato alla fine del Ventesimo secolo in una Roma dove il papa, l’irlandese Giovanni XXIV che si dice legato sentimentalmente a una teosofa di Bengalore, è assente perché si è trasferito in una residenza a Zagarolo.

Anna Maria Ortese in vita invece ebbe maggiore successo – vinse anche il premio Strega, per Poveri e semplici, romanzo attualmente fuori catalogo – pur essendo sempre una specie di outsider nel mondo culturale italiano. Nelle sue opere più famose si mescolano realismo magico e invenzioni fantastiche. Ad esempio, L’iguana (Amazon, IBS) racconta di un nobile milanese che si innamora di un’iguana parlante che vive come serva di una famiglia portoghese esiliata su un’isoletta nell’oceano Atlantico. In Alonso e i visionari (Amazon, IBS) invece c’è un puma dell’Arizona di nome Alonso che incontra vari personaggi, tra cui un «illustre professore italiano, ispiratore di terroristi». Ortese però scrisse anche opere più realistiche: in Il mare non bagna Napoli (Amazon, IBS) sono raccolti neorealisti e reportage che parlano della Napoli nel Dopoguerra, una città che Ortese conosceva bene.

Chi non ha trovato nulla che gli interessi in questa lista di suggerimenti può dare un’occhiata a quelle che avevamo fatto in occasione di precedenti campagne promozionali di Adelphi:

9 libri della Collana dei casi (quella più giornalistica)
I 10 libri più venduti nella storia di Adelphi
Altri 17 bei libri di Adelphi

***

Disclaimer: con alcuni dei siti linkati nella sezione Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google. Se invece volete saperne di più di questi link, qui c’è una spiegazione lunga.