• Mondo
  • lunedì 4 Gennaio 2021

Il nuovo lockdown in Inghilterra

Lo ha annunciato il primo ministro Boris Johnson lunedì sera, citando le preoccupazioni per il sistema sanitario

In un discorso trasmesso in diretta televisiva che era stato annunciato nel pomeriggio, il primo ministro britannico Boris Johnson ha comunicato lunedì sera la decisione del governo di procedere a un nuovo lockdown in Inghilterra per cercare di attenuare la diffusione del contagio da coronavirus e le difficoltà degli ospedali e del sistema sanitario nazionale, aumentate entrambe negli ultimi giorni. Johnson ha sostenuto che il problema maggiore sia la cosiddetta “nuova variante” del coronavirus, e che questa abbia annullato i soddisfacenti sforzi che il paese stava facendo nel diminuire l’estensione del contagio: e ha detto che è “allarmante e frustrante” la maggiore velocità con cui la variante si diffonde (“tra il 50% e il 70% più di prima, secondo gli scienziati”), e che gli ospedali non sono mai stati così tanto sotto pressione.

Col nuovo lockdown alle persone sarà richiesto di stare a casa se non per spese essenziali, lavori che non possono essere svolti da casa o ragioni sanitarie (o “per sfuggire a violenze domestiche”, ha aggiunto). Da martedì le scuole funzioneranno solo a distanza: “abbiamo fatto tutto il possibile per tenere le scuole aperte fino a oggi”, ha detto Johnson, aggiungendo che il problema non è il rischio per i bambini e i ragazzi ma la possibilità che una volta contagiati mettano in pericolo persone più vulnerabili.

La prospettiva più promettente rispetto al precedente lockdown, ha poi concluso Johnson, è l’attivazione dei programmi di vaccinazione: “finora nel Regno Unito abbiamo vaccinato più persone che in tutto il resto d’Europa”. Il nuovo lockdown sarà legge mercoledì ma Johnson ha chiesto ai cittadini inglesi di seguirne le regole da subito.

Lunedì anche la prima ministra scozzese, Nicola Sturgeon, aveva annunciato un lockdown nazionale, a partire dalla mezzanotte di martedì 5 gennaio fino alla fine del mese.

Le cose da sapere sul coronavirus