(Utopia, Amazon Prime Video)

10 nuove cose da guardare in streaming a ottobre

Una serie di Luca Guadagnino, una serie sui Mercury Seven della Nasa, un film sul processo ai Chicago Seven, la prima stagione di "Utopia" e la seconda di "The Mandalorian", per esempio

(Utopia, Amazon Prime Video)

Un tempo, c’era solo la televisione. Poi c’è stato il tempo di Netflix e più in generale dello streaming, seguito a breve da quello in cui Netflix è arrivato anche nei televisori e i canali televisivi sono andati anche su internet. Insomma, ormai da qualche mese in Italia per chi voglia “guardare qualcosa in streaming” la scelta è ampia, perché ci sono, tra gli altri, Amazon Prime Video, Now TV, Disney+, RaiPlay, Timvision ed Apple TV+. Nella vastità dell’offerta e nella costante mutevolezza dei cataloghi di questi servizi  abbiamo scelto dieci nuove cose che arrivano in streaming a ottobre.

“Cose” vuol dire contenuti audiovisivi: film, serie, documentari o serie documentarie. “Nuove” vuol dire che non sono vecchi film che ritornano in qualche catalogo, ma solo contenuti mai usciti prima in Italia. In molti casi la data è quella del primo episodio, perché non tutti mettono online un’intera stagione direttamente, come fa Netflix.

Song Exploder
2 ottobre: Netflix (docu-serie)

Una serie, tratta da un noto podcast, in cui cantanti e musicisti (tra gli altri: Alicia Keys, Lin-Manuel Miranda, i R.E.M.) raccontano i dietro le quinte della «realizzazione di uno dei loro brani, tra interviste approfondite, immagini d’archivio e registrazioni grezze».

The Walking Dead – World Beyond
2 ottobre: Amazon Prime Video (prima stagione)

The Walking Dead non è la più nobile e meglio recensita delle serie, ma ha i suoi estimatori. E dato che va avanti da dieci stagioni (finirà nel 2022 con l’undicesima), evidentemente non sono pochi. Non deve andare male nemmeno l’altra serie prequel e spin-off (è ambientata prima, e racconta un’altra storia) Fear the Walking Dead, che è arrivata alla quinta stagione e punta alla sesta. The Walking Dead – World Beyond è un’altra serie ancora, che «racconta la prima generazione cresciuta nello scenario zombie-apocalittico» e dei suoi protagonisti Amazon scrive: «alcuni diventeranno eroi, altri i “cattivi”, ma alla fine tutti cambieranno per sempre, cresciuti e consolidati nelle loro identità, buone o cattive». Va da sé che se non vi piacciono gli zombie è meglio non far partire il trailer.

We Are Who We Are
9 ottobre: Sky e Now Tv (prima stagione)

Una miniserie in otto episodi creata e diretta da Luca Guadagnino. Ha per protagonista Fraser, un adolescente «intelligente e sensibile, ma piuttosto inquieto» che per seguire la madre militare si trasferisce insieme alla famiglia a Chioggia, in provincia di Venezia, in una «fetta di America impiantata in Italia». Una volta in Italia Fraser conosce Caitlin, anche lei statunitense, ma già in Italia da anni, e ottimamente ambienta.

Talenti spaziali
9 ottobre: Disney+ (prima stagione)

Una serie in otto episodi che racconta la storia dei Mercury Seven, i sette uomini scelti dalla NASA a fine anni Cinquanta per partecipare al suo programma spaziale. La serie è basata sul libro The Right Stuff, scritto da Tom Wolfe nel 1979. Disney+ la presenta come «una storia sull’ambizione e sull’esplorazione e su come comuni esseri umani possano compiere imprese straordinarie», che «pone lo sguardo sul primo “reality show” americano, quando degli ambiziosi astronauti e le loro famiglie diventano improvvisamente delle celebrità, in competizione per il denaro, la fama e l’immortalità».

Il processo ai Chicago 7
16 ottobre: Netflix (film)

I cosiddetti “Chicago Seven” sono sette attivisti che nel 1968 furono processati in seguito a una serie di scontri tra manifestanti e polizia in occasione della convention di quell’anno dei Democratici, durante la quale fu scelto come candidato presidente Hubert Humphrey, che alle successive elezioni fu sconfitto dal repubblicano Richard Nixon. Il film racconta la storia del processo ai sette attivisti, uno dei più noti della storia statunitense. Il regista è Aaron Sorkin, che è anche autore della sceneggiatura; tra gli altri ci recitano Sacha Baron Cohen, Joseph Gordon-Levitt, Michael Keaton ed Eddie Redmayne.

The Third Day
19 ottobre: Sky e Now Tv (prima stagione)

Una serie coprodotta con HBO, in cui recitano Jude Law e Naomi Harris. È ambientata su «un’inquietante isola britannica», una di quelle «dove nulla è come sembra». Un thriller psicologico, quindi, lungo sei episodi a loro volta divisi in due capitoli: “Estate” e “Inverno”.

Pure
21 ottobre, RaiPlay (prima stagione)

Una serie britannica, che è andata in onda su Channel 4 ed è stata in genere piuttosto apprezzata, che ha per protagonista una ragazza di 25 anni che si trasferisce a Londra dalla Scozia e che pensa costantemente al sesso, nonostante lei preferirebbe di no. Lei, la protagonista, è Charly Clive.

Utopia
30 ottobre, Amazon Prime Video (prima stagione)

Una nuova serie statunitense (che prende spunto da quella britannica del 2013) che parla di un gruppo di persone che cercano di salvare il mondo e la cui storia «gira intorno a un gruppo di appassionati di fumetti conosciutosi online grazie all’ossessione comune per una graphic novel, apparentemente di finzione, intitolata Utopia». La creatrice e autrice della serie è Gillian Flynn, autrice del thriller L’amore bugiardo, da cui fu tratto il film Gone Girl.

The Challenge: ETA
30 ottobre: Amazon Prime Video (docu-serie)

Una serie in otto episodi «che racconta la storia del gruppo terroristico a partire dal suo primo omicidio nel 1968, fino al suo scioglimento nel 2018 e la lotta del governo spagnolo e della Guardia Civile contro di esso».

– Leggi anche: In Spagna l’ETA c’è anche se non c’è

The Mandalorian
30 ottobre: Disney+ (seconda stagione)

La nuova stagione di quella che fin qui è stata la più apprezzata serie di Disney+, che si fece notare anche per il suo “Baby Yoda“.

*Il Post partecipa ai programmi di affiliazione di alcune piattaforme, e ottiene un piccolo ricavo se vi abbonate partendo dai link presenti in questo articolo, senza che questo comporti un cambio di prezzo per chi si iscrive. Se preferite, potete anche cercare i link per abbonarsi su un motore di ricerca.