Una canzone dei Danny Wilson

Sì, "dei", avevano deciso di chiamarsi con un nome e cognome, ma "Spencer Tracy" rischiò di metterli nei guai

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera.
Il Mercury Prize, quello che dico sempre essere l'unico premio musicale importante che effettivamente sceglie musica di qualche qualità, è stato dato stasera a Michael Kiwanuka: di cui avevo scritto qualcosa qui e che insomma è quello famoso per la canzone nella sigla di Big little lies.
La canzone nuova di Matt Berninger
dei National l'avevo già linkata due settimane fa, e questo è solo il nuovo video in cui lui si è convinto di essere Michael Stipe e magari ha ragione, ma è bella e ne approfitto (è il motivo per cui fanno uscire prima la canzone senza video e poi col video, per abbindolare noi dei media).
Invece c'è una vera canzone nuova di Springsteen.
Dieci anni fa uscì The social network, il film (scritto da Aaron Sorkin di cui parlammo ieri, tutto si tiene): e aveva quel finale con Baby you're a rich man dei Beatles.
È morta Juliette Gréco, come avrete saputo.

Abbonati al

Questa pagina fa parte dei contenuti visibili agli abbonati del Post. Se lo sei puoi accedere, se non lo sei puoi esserlo.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.