• Mondo
  • giovedì 16 Aprile 2020

La Polonia contro l’aborto e l’educazione sessuale, di nuovo

Approfittando delle restrizioni per il coronavirus, che vietano le proteste di piazza, la maggioranza di governo ha proposto due disegni di legge molto restrittivi

Mercoledì 15 aprile il parlamento della Polonia ha iniziato a discutere una proposta di legge avanzata dalla maggioranza, guidata dal partito di estrema destra Diritto e Giustizia (PiS), per ridurre le già limitatissime situazioni in cui una donna può ricorrere legalmente all’aborto. La maggioranza ha poi presentato un altro disegno di legge per criminalizzare l’insegnamento dell’educazione sessuale. I movimenti femministi e diverse altre organizzazioni sostengono che il governo stia cercando di approfittare delle restrizioni imposte dalla pandemia da coronavirus – che comprende anche il divieto di assembramenti, e quindi anche di manifestazioni di protesta – per arrivare all’approvazione di proposte che finora sono sempre state bloccate dalle mobilitazioni delle donne.

Nonostante la situazione i movimenti femministi polacchi, sostenuti da molti altri nel mondo, hanno comunque trovato il modo di protestare e il disegno di legge contro l’aborto è stato temporaneamente rimandato in commissione.

La Polonia ha già una legge sull’interruzione di gravidanza tra le più restrittive d’Europa. È stata approvata nel 1993 e consente l’aborto solo in tre casi: pericolo di vita per la madre, gravissima malformazione del feto e stupro. La nuova proposta di legge, chiamata “Stop Aborto”, vieterebbe l’interruzione volontaria di gravidanza in caso di anomalia fetale grave o irreversibile. Diritto e Giustizia ha motivato la norma criticando le presunte finalità «eugenetiche» dell’aborto. Il presidente Andrzej Duda (che fa parte di PiS) si è già detto disponibile a firmarlo.

Secondo le organizzazioni femministe sono tra le 100mila e le 200mila le donne polacche che ogni anno sono costrette a ricorrere all’aborto clandestino o ad andare all’estero per poter aver accesso a questo loro diritto (in genere in Slovacchia, Repubblica Ceca, Germania o Ucraina). Un tentativo di limitazione all’aborto c’era già stato nel 2016, ma era stato bloccato dalle cosiddette “proteste in nero” (Czarny Protest) quando le donne polacche, sostenute da molte altre nel mondo, avevano organizzato enormi mobilitazioni vestite di nero.

Oltre alle limitazioni sull’aborto, il governo polacco ha presentato un disegno di legge chiamato dai suoi sostenitori “stop pedofilia”, per criminalizzare l’educazione sessuale che è invece riconosciuta come uno degli strumenti principali contro la violenza di genere, contro la trasmissione di malattie, e per la riduzione di gravidanze indesiderate e della mortalità materna.

“Stop pedofilia” – già approvato nell’ottobre del 2019 dalla Camera del parlamento – modifica un articolo del codice penale e introduce nuovi tipi di reati. Prevede una pena detentiva di tre anni per chiunque «promuova o approvi rapporti sessuali o altre attività sessuali di un minore», in particolare se ha a che fare con l’omosessualità. Il testo precisa che il reato è esplicitamente imputato a chi agisce mentre svolge la propria professione in ambiti relativi all’istruzione o alla cura: gli educatori, gli insegnanti o i medici colpevoli di fare riferimento, dare consigli o rispondere a domande sul sesso in presenza di minori rischierebbero il carcere.

“Stop pedofilia” e “Stop Aborto” sono proposte di iniziativa popolare, presentate dopo una raccolta firme e appoggiate anche da diversi gruppi religiosi cattolici e dai vescovi vicini al governo. La Chiesa polacca – una delle più conservatrici e reazionarie al mondo – ha avuto un ruolo decisivo nel plasmare l’identità nazionale e durante il comunismo è stata uno dei primi bastioni di resistenza contro il dominio sovietico. Papa Giovanni Paolo II, il primo papa polacco, diventato santo nel 2014, è venerato sia come autorità morale sia per la sua opposizione al comunismo. In Polonia ancora oggi non avviene nessuna cerimonia pubblica a cui non sia presente almeno un membro del clero, e il partito di governo Diritto e Giustizia usa la propria alleanza con la chiesa, con cui condivide moltissimi temi, per legittimare il proprio potere.

In questi giorni i movimenti femministi polacchi hanno comunque trovato il modo di organizzare le proteste: le donne sono scese per strada creando fuori dai negozi e dai supermercati lunghe file – pure mantenendo il distanziamento – e mostrando cartelli e ombrelli neri. Hanno inoltre appeso striscioni fuori dalle case e attaccato poster su macchine e biciclette. «Pensavano che non avremmo protestato affatto. Credo abbiano pensato che avremmo avuto paura delle conseguenze economiche», ha detto Marta Lempart, fondatrice e coordinatrice del movimento Strajk Kobiet (Sciopero delle donne), riferendosi alle multe previste per chi non rispetta le restrizioni. «Abbiamo maschere per il viso, ma questo non significa che ci chiuderanno la bocca», ha detto un’attivista in fila. «La discussione è patetica e manipolatoria», ha detto un’altra: «Citando fonti inesistenti e false statistiche, insultano le donne in modo volgare e inaccettabile. E tutto questo in nome della difesa della vita concepita. E le donne, le vite che già esistono? Non una parola. Non esistono, non hanno diritti».

Nelle ultime ore ci sono state anche molte proteste online, organizzate dai movimenti femministi d’Europa e da altre organizzazioni che in questo momento chiedono che l’accesso all’aborto sia garantito e non reso più complicato proprio per via dell’emergenza sanitaria. Le mobilitazioni sembrano comunque aver avuto delle conseguenze, dato che la proposta per limitare l’aborto è stata rimandata in commissione per essere esaminata di nuovo.