(Mark Makela/Getty Images)
  • Mondo
  • mercoledì 11 Marzo 2020

Joe Biden ha quasi vinto le primarie

Con le vittorie che ha ottenuto alle elezioni di stanotte – soprattutto in Michigan – soltanto una sorpresa clamorosa potrebbe permettere a Sanders di rimontare

(Mark Makela/Getty Images)

Questa notte si è votato in altri sei stati per le primarie del Partito Democratico degli Stati Uniti in vista delle elezioni presidenziali di novembre: Joe Biden ha vinto in Mississippi, Michigan, Missouri e Idaho, mentre in North Dakota e Washington la situazione è ancora piuttosto equilibrata tra Biden e l’altro principale candidato, Bernie Sanders. Biden ha ottenuto l’81 per cento dei voti in Mississippi, il 60 per cento in Missouri e il 49 per cento in Idaho: ma soprattutto il 53 per cento in Michigan, lo stato di gran lunga più importante in cui si votava e uno in cui Sanders quattro anni fa aveva battuto largamente Hillary Clinton.

È il secondo grande e sorprendente risultato di Joe Biden dopo le iniziali sconfitte in Iowa, New Hampshire e Nevada, raddrizzate poi dalle vittorie in South Carolina e in nove stati durante il Super Tuesday. In totale questa notte si assegnavano 365 delegati, cioè le persone che alla convention estiva del partito eleggeranno il candidato ufficiale del partito. Il vantaggio di Biden in termini di delegati a questo punto è molto probabilmente incolmabile per Sanders: dovrebbe vincere tutte le prossime primarie con almeno il 60 per cento dei voti, mentre il voto degli elettori continua a mostrare quanto sia molto più debole del 2016, quando comunque uscì sconfitto.

Il Michigan è uno stato con un elettorato prevalentemente bianco e poco istruito, tra quelli che hanno sofferto di più la crisi economica degli ultimi dieci anni e che sono più ostili agli accordi di libero scambio: basti pensare che è lo stato di Detroit, la città andata in bancarotta a causa della crisi del settore dell’auto. Nel 2016 la vittoria di Trump fu costruita soprattutto grazie alla risicata vittoria in diversi stati del cosiddetto Midwest fra cui Ohio, Pennsylvania, Wisconsin e proprio il Michigan: posti in cui per decenni i bianchi avevano votato per i candidati Democratici, salvo poi sostenere Trump.

Alle primarie dei Democratici del 2016 in Michigan Sanders vinse a sorpresa contro Hillary Clinton, dimostrando di poter vincere anche in stati più grandi di quelli dove aveva fatto bene fino a quel momento: e dimostrando soprattutto di poter essere ascoltato dagli elettori con cui Clinton non riusciva a parlare e che poi avrebbero votato per Trump. Il voto di stanotte, oltre a confermare la forza di Biden con gli elettori afroamericani e soprattutto con quelli delle zone suburbane, che stanno passando dai Repubblicani ai Democratici, ridimensiona molto la capacità di Sanders di rivolgersi alla classe operaia bianca e anche per questo potrebbe aver messo fine alle sue possibilità di vittoria nelle primarie: non si vede come o dove – a meno di sorprese clamorose – Sanders possa espandere i propri consensi.

Parlando dopo la proclamazione dei risultati in un comizio a Philadelphia, Biden ha definito la vittoria di stanotte «un passo avanti per riportare decoro, dignità e onore alla Casa Bianca», e ha chiesto ai sostenitori di Sanders di appoggiarlo negli stati in cui si voterà nelle prossime settimane. «Abbiamo un obiettivo comune, e insieme possiamo battere Donald Trump», ha detto con tono molto calmo, forse anche perché si stava rivolgendo a una stanza vuota, per prevenire la diffusione del coronavirus. I sondaggi danno Biden molto avanti anche negli stati in cui si voterà nelle prossime settimane, soprattutto in Florida, Illinois e Ohio, stati che assegnano molti delegati e in cui si voterà il 17 marzo. Al momento Biden ha 823 delegati contro i 663 di Sanders.