Patrick Mahomes, quarterback dei Kansas City Chiefs (Tom Pennington/Getty Images)
  • Sport
  • lunedì 3 febbraio 2020

Com’è andato il Super Bowl di Miami

L'attesa finale del football americano si è disputata nella notte, ed è stata vinta dalla squadra che non la vinceva da cinquant'anni

Patrick Mahomes, quarterback dei Kansas City Chiefs (Tom Pennington/Getty Images)

La 54ª edizione del Super Bowl, la finale della National Football League, il campionato di football statunitense, si è disputata nella notte all’Hard Rock Stadium di Miami, in Florida. È stata vinta dai Kansas City Chiefs, che hanno battuto 31-20 i San Francisco 49ers in una partita a lungo equilibrata, in parità fino all’intervallo e risolta soltanto nei minuti finali. Nell’anno del centesimo anniversario del campionato, i Kansas City Chiefs sono quindi tornati a vincere un Super Bowl dopo cinquant’anni dal loro primo e fino a ieri unico titolo.

Come era stato previsto nelle ultime settimane, il Super Bowl di Miami è stato deciso dal confronto tra la difesa dei San Francisco 49ers e l’attacco dei Kansas City Chiefs. Quest’ultimo, dopo un buon inizio, è andato in difficoltà nel terzo quarto. Il quarterback Patrick Mahomes — probabilmente il giocatore più atteso della partita — non è sembrato subito brillante come al suo solito, facendosi intercettare diversi lanci.

La difesa di San Francisco ha invece fatto inizialmente il suo dovere, mentre l’attacco guidato dal quarterback italoamericano Jimmy Garoppolo è arrivato a guadagnare fino a dieci punti di vantaggio all’inizio dell’ultimo quarto. Negli ultimi concitati minuti di gioco, però, Kansas City ha completato una grande rimonta riportandosi nuovamente in vantaggio con due touchdown in successione, entrambi segnati dal running back Damien Williams.

Il trofeo Vince Lombardi (Kevin C. Cox/Getty Images)

Gli unici due Super Bowl giocati prima di questo da Kansas City furono quelli del 1967 e del 1970: nel primo perse contro i Green Bay Packers di Vince Lombardi, il leggendario allenatore italoamericano che ancora oggi dà il nome al trofeo dei vincitori. L’allenatore dei Chiefs, Andy Reid, è riuscito invece a vincere il primo Super Bowl in carriera a 61 anni, dopo che nel 2004 lo perse allenando i Philadelphia Eagles.

Il giocatore simbolo della squadra è naturalmente il quarterback, ma un quarterback speciale. Si tratta del 24enne Mahomes, figlio di Pat Mahomes, ex lanciatore con undici stagioni nella Major League Baseball. È considerato un predestinato in grado di giocare in qualsiasi situazione, e ora è il primo quarterback della nuova generazione ad aver vinto un titolo da MVP.

Guarda anche: I migliori spot del Super Bowl 2020

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.