(ANSA/FERMO IMMAGINE TG2)
  • Media
  • venerdì 31 gennaio 2020

Cosa sta succedendo al TG2

Nel telegiornale "sovranista" in crisi di ascolti la redazione è sempre più divisa tra i sostenitori del direttore e i suoi avversari interni

(ANSA/FERMO IMMAGINE TG2)

Il TG2, il telegiornale di Rai Due, sta passando un periodo di crisi e di divisione interna piuttosto gravi. Considerato a lungo una via di mezzo meno schierata e più “popolare” tra il TG1, governativo e istituzionale, e il TG3, più impegnato e vicino al centrosinistra, sotto la nuova direzione di Gennaro Sangiuliano il TG2 ha acquistato una identità diversa: quella di telegiornale “sovranista”, cioè di destra nazionalista e tradizionale. Allo stesso tempo, però, il TG2 ha subìto una profonda crisi di ascolti e la sua redazione è più divisa che mai.

L’incidente più grave fino a questo momento è avvenuto giovedì, quando un’assemblea dei giornalisti del telegiornale, si è trasformata in un scontro aperto tra la minoranza di giornalisti critici con l’attuale gestione (minoranza formata da poco più di una sessantina di redattori) e la maggioranza che invece la sostiene (formata a sua volta da circa settanta giornalisti). La riunione è durata oltre sei ore ed è stata estremamente vivace e verbalmente violenta, secondo quanto riferiscono alcune fonti presenti.

Anche se non è stato il primo scontro interno alla redazione dall’arrivo della nuova direzione, un anno e mezzo fa, è stato di sicuro il più duro. La riunione era stata convocata dalla minoranza critica per discutere l’attuale situazione del telegiornale, e in particolare il calo di ascolti nel corso dell’ultimo anno e mezzo. Secondo i dati di una ricerca pubblicata di recente, infatti, dal dicembre 2018 al dicembre 2019 il TG2 della sera, l’edizione principale del telegiornale, ha perso il 10 per cento dei suoi spettatori, circa 187 mila persone, scendendo da 1,7 milioni a poco più di 1,5 milioni di persone. Complessivamente, considerando anche le altre edizioni, il calo di ascolti è di più del 7 per cento.

I componenti della redazione si sono divisi sulle ragioni di questo andamento. Secondo alcuni la responsabilità principale è della crisi della televisione generalista e in particolare di quella generale di Rai Due. Secondo altri, invece, solo una parte del calo di ascolti può essere imputata alla rete. Le perdite di ascolti di TG1 e TG3, infatti, sono molto più contenute, e secondo alcuni calcoli il TG2 perde più dei programmi che lo precedono (il calo non sarebbe quindi dovuto a un indebolimento del cosiddetto “effetto traino” generato dal programma che va in onda subito prima). La responsabilità del calo, sostengono, sarebbe invece delle scelte editoriali del nuovo direttore.

Alla fine della riunione, un comunicato sindacale che riepilogava la riunione e che dava conto di queste due diverse versioni è stato bocciato, e non è stata pubblicata nessuna comunicazione sulla riunione. Il tutto, discussioni e votazioni, è avvenuto in un clima descritto da molti presenti come estremamente teso e in cui non sono mancati insulti e minacce. Anche a causa del pesante clima nella redazione, i rappresentanti del sindacato USIGRAI presenti hanno comunicato all’assemblea dei giornalisti del TG2 che vigileranno per evitare che chi ha espresso critiche all’attuale direzione nel corso della riunione venga penalizzato.

Il protagonista indiretto della vicenda, il direttore del TG2 Sangiuliano, non era presente alla riunione (in quanto direttore non partecipa alle riunioni sindacali). Sangiuliano, che ha 57 anni, è stato nominato direttore del TG2 dal primo governo Conte il 31 ottobre 2018 su indicazione della Lega. Ex dirigente del partito neofascista MSI, negli anni Novanta lasciò la carriera politica e iniziò quella di giornalista e saggista. Autore di numerosi libri di divulgazione, di testi storici e accademici, nel 1996 diventò direttore del quotidiano Roma, di Napoli, per poi passare alla vicedirezione di Libero. Nel 2003, dopo un tentativo fallito di tornare in politica con la Casa della Libertà, entrò in RAI; nel 2009 divenne vicedirettore del TG1 sotto la controversa direzione di Augusto Minzolini (all’epoca criticato per la sua eccessiva vicinanza a Silvio Berlusconi che, successivamente, lo fece eleggere parlamentare).

La nomina di Sangiuliano alla direzione del TG2 ha portato un forte avvicinamento del telegiornale a posizioni di destra radicale: questo spostamento si è manifestato in servizi spesso molto partigiani e sopra le righe. Lo scorso febbraio, per esempio, poco dopo il richiamo dell’ambasciatore francese in Italia in seguito a una serie di polemiche e incidenti diplomatici tra i due governi, Sangiuliano fece mandare in onda un servizio che riepilogava torti veri o presunti della Francia nei confronti dell’Italia.

Poche settimane prima il TG2 aveva mandato in onda un servizio basato su una notizia falsa, ossia che dei quartieri in alcune città svedesi fossero sottoposti alla cosiddetta “sharia”, la legge islamica, e fossero sfuggiti al controllo dello stato. In un’altra occasione, un servizio andato in onda lo scorso marzo prendeva in giro aspramente l’intervista di Fabio Fazio al presidente francese Emmanuel Macron (uno dei politici più criticati dal TG2 di Sangiuliano), nonostante fosse stata realizzata e andata in onda dalla RAI, cioè la stessa azienda a cui appartiene il TG2.

Secondo i difensori di Sangiuliano, con questa strategia il nuovo direttore è riuscito a dare un’identità a un telegiornale che fino a quel momento risultava spesso generico e poco caratterizzato, contribuendo così a un’offerta plurale e diversificata da parte della RAI. I suoi oppositori lamentano invece che questa “identità” sia stata conquistata sacrificando la qualità giornalistica nonché qualsiasi tentativo di mantenere obiettività e imparzialità del giornale, e militarizzando i processi decisionali, impendendo a quasi metà della redazione di esprimersi. Il tutto senza conseguire apprezzabili risultati in termini di maggiori ascolti, anzi: facendo perdere al giornale parte del suo storico pubblico.

Sangiuliano rivendica, almeno in parte, queste scelte. In un’intervista al Foglio ha sostenuto che «una faziosità limpida ed esibita» è preferibile a «una subdola terzietà». Di Matteo Salvini ha detto che «ha una visione. Sa che esistono dei valori nazionali da tutelare», mentre secondo lui Donald Trump «ha un piano per riappacificare Israele e palestinesi. Sta lavorando alla distensione con la Corea del nord. Vedrai che gli daranno il Nobel per la pace» (quando Sangiuliano diede l’intervista, il dialogo tra Stati Uniti e Corea del Nord non aveva ancora subito la recente battuta d’arresto e il criticato piano di pace per il Medio Oriente di Trump non era ancora stato pubblicato).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.