Una strada del centro di Stoccarda, in Germania, affollata per via degli acquisti pre-natalizi, il 21 dicembre 2019 (Christoph Schmidt/picture-alliance/dpa/AP Images)

Un regalo di Natale al giorno: -2

Ve ne manca ancora qualcuno ma non avete voglia di uscire? I buoni regalo si possono comprare dal divano

Una strada del centro di Stoccarda, in Germania, affollata per via degli acquisti pre-natalizi, il 21 dicembre 2019 (Christoph Schmidt/picture-alliance/dpa/AP Images)

C’è stato un tempo in cui il Post aderiva senza tentennamenti alla “mozione Flanagin”, dal nome di un giornalista americano contrario allo scambio di regali tra adulti. Poi ci siamo gradualmente addolciti e da qualche anno, quando arriva dicembre, ci spremiamo le meningi per dare qualche idea a chi i regali di Natale ama farli (o deve farli, un po’ costretto dalle circostanze). Quindi, ecco un regalo di Natale al giorno: per un mese, fino al 24 dicembre, vi suggeriamo un oggetto che si possa acquistare facilmente online e senza aspettare troppo. Uno solo al giorno, per non impegnarvi troppo: se può funzionare per qualcuno che conoscete, cliccate, comprate, e risolto. Se no ci riproviamo il giorno dopo.

Un buono o un abbonamento
Se arrivate a fare questa scelta, oggi, è probabilmente perché manca pochissimo a Natale e non avete voglia (comprensibilmente) di infilarvi in un centro commerciale affollato. Non sentitevi in colpa però, o poco originali: secondo gli psicologi che si occupano di “scienza dei regali”, i buoni per comprarsi qualcosa scegliendolo da sé sono tra i regali più apprezzati da chi li riceve, subito dopo le buste di banconote. Quelli digitali si possono comprare dal divano: si possono far arrivare via email al destinatario, oppure se ne può semplicemente copiare il codice in un biglietto.

Quello che lascia più libertà è sicuramente il buono regalo di Amazon, data l’abbondanza di categorie di oggetti che si possono acquistare sul sito, ma non è l’unica opzione. Abbiamo fatto una lista che ne raccoglie diverse, insieme ad alcune cose a cui ci si può abbonare: in quel caso non c’è tanta libertà, ma la gratitudine per il regalo sarà spalmata nel tempo e anche questo non è male per il regalante.

– Se dovete fare un regalo a un lettore forte (che peraltro legge così tanto che non si sa mai cosa abbia già letto e cosa no), potete scegliere la Happy Card di IBS o la Gift Card Feltrinelli (che si può usare anche nelle librerie fisiche).

Ora Consumismi ha una sua newsletter, gratis

– Un lettore forte potrebbe essere entusiasta anche degli abbonamenti della casa editrice Sur: tra gli altri, uno prevede la spedizione di tutti i nuovi libri di scrittori nordamericani che l’editore pubblicherà nel 2020 (costa 135 euro), un altro la spedizione di quelli di scrittori sudamericani (sempre 135 euro).

– Se invece pensate che la persona a cui dovete fare un regalo vorrebbe comprarsi un prodotto tecnologico (o un elettrodomestico), potete prendere in considerazione le carte regalo di ePrice.

– Se vi sarebbe piaciuto regalare un profumo ma non sapevate quale scegliere, una carta regalo delle profumerie Sephora, che si può usare sia online che nei negozi fisici.

– Per i nonni che sanno usare il computer e si lamentano di vedere raramente i nipoti: una carta regalo di Trenitalia. Sullo stesso genere, magari per qualcuno che sapete vorrebbe viaggiare di più nel 2020, un buono per acquistare (o avere uno sconto sui) voli aerei.

– Per qualcuno che ama molto la musica dal vivo e sapete che va spesso ai concerti, un buono di TicketOne potrebbe essere un’idea.

– Per qualcuno che avete visto molto stressato negli ultimi mesi, un buono per una giornata alle terme.

– Un regalo per un cinefilo che si lamenta dei cataloghi di Netflix e di Amazon Prime Video: un anno di film più ricercati in streaming su Mubi, per 95,88 euro.

– Le gift card per qualche mese di abbonamento ai servizi di streaming più comuni come Netflix, Now TV o Infinity si possono comprare in moltissimi supermercati. Online le trovate sul sito di Euronics.

– Un’altra alternativa per chi ama leggere: un abbonamento alla biblioteca digitale Mlol, per chi legge in formato ebook. C’è annuale e mensile e il prezzo varia in base a quanti “prestiti” si vogliono regalare. Per chi preferisce i libri cartacei e legge in inglese, se avete un budget consistente, ci sono gli abbonamenti della libreria inglese Heywood Hill. A chi li preferisce da ascoltare invece si può regalare qualche mese di Storytel.

– Tra gli abbonamenti non possono mancare quelli alle riviste: qui Internazionale e qui il New Yorker, che arriva anche in Italia. Quello a Marie Claire, se pensate a un femminile mensile, costa solo 29 euro e 40 per due anni – comprando tutti i numeri mese dopo mese si spendono 84 euro. La parte della redazione che segue il ciclismo invece suggerisce questa rivista britannica da regalare ad altri appassionati.

– Se dovete fare un regalo a un bambino, c’è l’abbonamento a Topolino: 94 euro per 52 numeri. Dodici numeri di Internazionale Kids invece costano 19 euro.

– Un’altra cosa per cui si può regalare un abbonamento è una subscription box. Una redattrice del Post che ne ha provata qualcuna, suggerisce quella di cancelleria di Papergang oppure quella “culturale” di Hoppípolla.

– Sempre restando in ambito culturale, l’iscrizione al FAI permette di visitare alcuni siti in tutta Italia gratuitamente.

– C’è anche un abbonamento alla birra.

E se siete preoccupati che possano sembrare poco sentiti, basta sforzarsi un po’ nello scrivere il messaggio d’auguri d’accompagnamento.

Se avessi ancora tempo per andare in qualche negozio fisico, senza timore per le folle, le altre idee che abbiamo suggerito nei giorni scorsi sono qui. Queste invece sono altre liste di idee per fare i regali di Natale tematiche:

– Regali che costano meno di 20 euro
– Regali tra i 21 e i 60 euro
– Regali tra i 61 e i 100 euro
– Regali un po’ più ecosostenibili
– Regali per bambini tra i 6 e i 10 anni
– Regali per ragazzini tra gli 11 e i 13 anni

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati negli articoli della sezione Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.