Modena, 18 novembre (Piero Cruciatti / LaPresse )
  • Italia
  • martedì 19 novembre 2019

La protesta a Modena contro Salvini

C'erano circa 7 mila persone strette "come sardine" in Piazza Grande contro il comizio del capo della Lega

Modena, 18 novembre (Piero Cruciatti / LaPresse )

Lunedì 18 novembre a Modena almeno 7 mila persone hanno protestato in Piazza Grande contro l’evento elettorale tenuto in città dal leader della Lega Matteo Salvini a sostegno di Lucia Borgonzoni, candidata del centrodestra a presidente dell’Emilia-Romagna per le elezioni regionali del 26 gennaio 2020. La manifestazione di Modena, come quella di giovedì 14 novembre a Bologna, è stata organizzata in forma di flash mob. Nonostante la pioggia in piazza c’erano migliaia di persone “strette come sardine” – come da slogan dei promotori – a cantare “Bella ciao” o slogan come “Modena non si Lega”. I manifestanti si sono radunati poco prima delle 19, occupando non solo la piazza ma anche le traverse adiacenti e i portici.

Inizialmente Salvini doveva parlare in centro, in via Gallucci, dove erano attese circa 3 mila persone, ma dopo il lancio della contro-manifestazione ha cambiato programma, scegliendo un ristorante fuori dal centro. Gli organizzatori e le organizzatrici della protesta avevano chiesto che durante il presidio non ci fosse “nessuna bandiera, nessun partito, nessun insulto”, e che i partecipanti esponessero solo cartelli con raffigurate delle sardine.

Modena, 18 novembre
(Piero Cruciatti / LaPresse )

Salvini, poco prima di arrivare a Modena, ha attaccato “le sardine” riprendendo un post dello scorso maggio di una delle organizzatrici che contiene un video capovolto di Salvini con la frase: «Avremmo bisogno di un giustiziere sociale, di quelli che compaiono nella storia, che dopo aver ucciso vengono marcati come anarchici…». Salvini ha detto che «una delle “sardine democratiche”» fino a poco tempo fa invocava il suo «omicidio da parte di un giustiziere e mi raffigurava a testa in giù. Bella roba».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.