La manifestazione di Piazza Maggiore, a Bologna, per protestare contro il comizio di Matteo Salvini al Paladozza, il 14 novembre (ANSA/UFFICIO STAMPA ZINGARETTI)

Le foto della numerosa protesta contro Matteo Salvini a Bologna

C'erano circa seimila persone in Piazza Maggiore, mentre il leader della Lega apriva la campagna elettorale per le elezioni regionali

La manifestazione di Piazza Maggiore, a Bologna, per protestare contro il comizio di Matteo Salvini al Paladozza, il 14 novembre (ANSA/UFFICIO STAMPA ZINGARETTI)

Giovedì sera c’è stata una grande manifestazione pacifica in Piazza Maggiore, a Bologna, in cui circa seimila persone, si sono radunate per protestare contro il comizio tenuto in città dal leader della Lega Matteo Salvini. La manifestazione è stata organizzata in forma di flash mob su Facebook, tramite un evento chiamato “6.000 persone contro Salvini”: gli organizzatori hanno chiesto ai partecipanti di radunarsi alle 20.30 davanti alla basilica di San Petronio nel cosiddetto Crescentone (cioè la pavimentazione sopraelevata di Piazza Maggiore) mentre in contemporanea Salvini entrava nel PalaDozza di Bologna, dove ha aperto la campagna elettorale per Lucia Borgonzoni, candidata del centrodestra a governatrice dell’Emilia-Romagna per le elezioni regionali del 26 gennaio 2020. In seguito gli organizzatori hanno detto che hanno partecipato dalle 12 alle 13mila persone.

La manifestazione di Piazza Maggiore, a Bologna, per protestare contro il comizio di Matteo Salvini al Paladozza, il 14 novembre (ANSA/UFFICIO STAMPA ZINGARETTI)

L’idea della manifestazione era dimostrare a Salvini che in Piazza Maggiore c’erano 6.000 persone “strette come sardine” a protestare contro di lui, più delle 5.570 che può contenere il PalaDozza. Gli organizzatori avevano chiesto che durante la manifestazione non ci fosse “nessuna bandiera, nessun partito, nessun insulto”, e che i partecipanti esponessero solo cartelli con raffigurate delle sardine. La manifestazione è durata circa 20 minuti in tutto.

Prima della manifestazione di Piazza Maggiore c’è stato anche un corteo dei centri sociali che, scrive Repubblica, ha radunato almeno duemila persone. Il corteo, con manifestanti che lanciavano bottiglie, oggetti e fuochi d’artificio, è partito da piazza San Francesco e ha cercato di raggiungere il PalaDozza prima di essere fermato con gli idranti dalla polizia in tenuta antisommossa. C’era anche un presidio di anarchici, circa 50 persone in bicicletta a porta Lame. Salvini ha commentato le proteste dicendo che «se sono pacifiche, sono le benvenute», ma ha anche chiamato i manifestanti «teppisti» e «delinquenti».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.