Boris Johnson (AP Photo/Kirsty Wigglesworth)
  • Mondo
  • domenica 20 ottobre 2019

Il trucchetto di Johnson su Brexit, spiegato

Con una lettera ha chiesto all'Unione Europea un rinvio di Brexit, per rispettare la legge, ma con una seconda lettera ha chiesto che fosse ignorata la prima

Boris Johnson (AP Photo/Kirsty Wigglesworth)

Sabato sera, il governo britannico ha chiesto un rinvio di Brexit al 31 gennaio 2020 con una lettera mandata all’Unione Europea, ma non firmata dal primo ministro Boris Johnson. Insieme alla prima lettera, ne è stata mandata una seconda, questa sì firmata da Johnson, in cui il primo ministro britannico ha invitato Donald Tusk, il presidente del Consiglio Europeo, organo che riunisce tutti i capi di stato e di governo dell’Unione Europea, a non accettare la richiesta di rinvio. Johnson ha scritto che un rinvio sarebbe un errore e ha aggiunto di essere convinto di poter far approvare dal parlamento britannico l’ultimo accordo raggiunto tra Regno Unito e Unione Europea entro il 31 ottobre, data fissata per Brexit.

Le due lettere mandate da Johnson e contenenti due messaggi contraddittori sono spiegabili con gli ultimi sviluppi su Brexit.

A inizio settembre, la maggioranza del parlamento britannico aveva approvato il cosiddetto “Benn Act“, che costringeva il governo a chiedere un rinvio di Brexit se non si fosse approvato alcun accordo entro sabato 19 ottobre. Johnson sperava di rispettare questa scadenza, perché si era sempre detto contrario a qualsiasi rinvio di Brexit, minacciando anche di violare la legge pur di non andare oltre il 31 ottobre. Sabato il parlamento britannico ha però inflitto un’altra pesante sconfitta a Johnson, approvando un rinvio del voto sul suo accordo.

Prima ancora di arrivare a votare l’accordo, infatti, il parlamento aveva approvato l'”emendamento Letwin”, presentato nel timore che se l’accordo fosse stato approvato prima di alcune leggi necessarie per assicurarne l’applicazione qualcuno avrebbe potuto farlo fallire in uno dei successivi voti. In pratica, il parlamento ha voluto tutelarsi di fronte a un possibile “no deal”, come aveva già provato a fare in diverse occasioni nelle ultime settimane.

Le due lettere mandate da Johnson all’Unione Europea sono il risultato di questa complicata situazione: da una parte la volontà del parlamento di evitare a tutti i costi il “no deal”, con il conseguente obbligo imposto al governo di rispettare il Benn Act, cioè di chiedere il rinvio di Brexit in caso di mancato accordo entro sabato 19 ottobre; dall’altra la volontà di Johnson di fare il possibile per non prolungare le discussioni su Brexit oltre la fine del mese, come detto e ribadito più volte dal primo ministro durante gli ultimi mesi. Le due lettere sono state inoltre accompagnate da una terza lettera firmata da Tim Barrow, il rappresentante del Regno Unito a Bruxelles, in cui si specifica che la prima lettera è stata mandata solo per rispettare la legge approvata dal parlamento britannico a inizio settembre.

Sabato il presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, ha scritto: «La richiesta di estensione è appena arrivata. Ora inizierò a confrontarmi su cosa fare insieme ai leader dell’Unione Europea». Un possibile rinvio di Brexit, che sia fino al 31 gennaio o a una data più vicina, dipende infatti dall’Unione Europea. Se l’Unione Europea rifiuterà il rinvio – come chiesto da Johnson – obbligherà di fatto il parlamento britannico a scegliere cosa fare nei prossimi giorni, mettendolo davanti a una scelta sì/no sull’ultimo accordo trovato. Il governo ha parlato dell’ipotesi di tenere un nuovo voto sull’accordo già lunedì, ma la proposta non è ancora stata accettata dallo speaker della Camera bassa John Bercow, a cui spetta la decisione. Se l’Unione Europea concederà il rinvio, cosa che secondo i giornali sembra intenzionata a fare, permetterà al parlamento britannico di dibattere e votare l’accordo con tempi più lunghi. La decisione dovrebbe arrivare nei prossimi giorni, ha detto Tusk.

Intanto nel Regno Unito si sta molto discutendo della legittimità della strategia delle due lettere adottata da Johnson, che sembra essere riuscito ad evitare di violare la legge senza impegnare politicamente il suo governo nella richiesta del rinvio. L’opposizione sostiene che di fatto Johnson abbia violato la legge, con la seconda lettera che contraddiceva la prima, e un ex ministro Conservatore sentito dal Guardian si è detto convinto che la questione finirà in tribunale, perché la decisione di Johnson «è chiaramente contraria allo spirito del Benn Act».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.