(Tolga Akmen - WPA Pool/Getty Images)

Il «surreale» discorso della Regina

È stato preparato dal governo per la riapertura del Parlamento britannico: conteneva vaghi accenni a Brexit e molte promesse per lo più irrealizzabili

(Tolga Akmen - WPA Pool/Getty Images)

Oggi la Regina del Regno Unito Elisabetta II ha tenuto il suo discorso inaugurale per la ripresa dei lavori del Parlamento. Il discorso, come accade sempre, è stato preparato dal governo che lo ha utilizzato per elencare le priorità che l’esecutivo guidato dal primo ministro Boris Johnson intende portare avanti. Si è trattato di un momento formale e solenne, con corone scintillanti, abiti di gala e guardie d’onore in alta uniforme. Ma il discorso di quest’anno è arrivato in un momento politico particolarmente delicato e per questo è stato definito «surreale» e addirittura «proveniente da un’altra dimensione».

La Regina tiene un discorso alla Camera dei Lord ad ogni inaugurazione del Parlamento, un evento che di solito si verifica annualmente in base a un’antica tradizione ancora mantenuta. Solitamente la sospensione dei lavori del Parlamento e la loro riconvocazione pochi giorni dopo è una faccenda puramente formale. Quest’anno invece la tradizione è divenuta oggetto di un forte scontro politico e questo, come ha notato Laura Kuenssberg, corrispondente politica di BBC, è una delle ragioni per cui il discorso sembrava «provenire da un’altra dimensione», una, prosegue Kuenssberg, in cui il primo ministro Boris Johnson riesce a ottenere «tutto quello che vuole».

WATCH LIVE: Queen's Speech at State Opening of Parliament

WATCH BACK: The Queen sets out the government's agenda at the State Opening of Parliament.bbc.in/31bJNvd

Gepostet von BBC News am Montag, 14. Oktober 2019

La Regina, infatti, ha elencato una serie di 24 differenti proposte di legge che il governo intende approvare nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, nonostante sia da diverse settimane privo di una maggioranza parlamentare con cui farlo. Elisabetta II ha anche ricordato che l’obiettivo del governo è uscire dall’Unione Europea entro il 31 ottobre, una decisione che però non è completamente nelle sue mani.

Sia l’elenco delle leggi che l’obiettivo su Brexit sono sembrate a molti delle promesse bizzarre. La linea politica ufficiale di Johnson, infatti, è quella di andare ad elezioni anticipate visto che ha perso la maggioranza alla Camera in seguito agli scontri interni tra i conservatori (l’opposizione però per ora non l’ha sfiduciato perché teme che le elezioni anticipate rendano inevitabile l’uscita dall’Unione Europea senza un accordo). Questo farebbe finire l’attuale sessione parlamentare e ne farebbe cominciare una nuova, con una nuova maggioranza e quindi probabilmente con nuovi obiettivi.

A molti il discorso che il governo ha preparato per la Regina è sembrato quindi una sorta di “programma elettorale” del Partito Conservatore in vista delle future elezioni. Inoltre, nel discorso non sono stati fatti accenni al fatto che il Parlamento abbia approvato una legge che obbliga il governo a chiedere un rinvio di Brexit se entro il 31 ottobre non sarà stato raggiunto un nuovo accordo.

Johnson ha fatto intendere in più di un’occasione che potrebbe decidere di non rispettare la legge (una cosa che potrebbe avere enormi conseguenze politiche e legali), anche se sta ancora cercando di ottenere un nuovo accordo politicamente più accettabile per uscire dall’Unione Europea evitando il no deal (una soluzione, quest’ultima, che comunque ritiene preferibile a un rinvio della scadenza). Dopo un incontro con il primo ministro irlandese Leo Vardakar sembra che un nuovo accordo con l’Unione Europea, a lungo ritenuto impossibile, sia divenuto se non probabile, almeno fattibile. Anche di questo, però, nel bizzarro discorso pronunciato dalla Regina, non c’era traccia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.