(JACK GUEZ/AFP/Getty Images)
  • mercoledì 9 ottobre 2019

Lo sciopero di Alitalia di oggi

Ha provocato la cancellazione di più di 200 voli e durerà tutto il giorno: le cose da sapere

(JACK GUEZ/AFP/Getty Images)

Oggi, mercoledì 9 ottobre, ci sarà uno sciopero del trasporto aereo per tutta la giornata, deciso dalla Federazione Nazionale Trasporto Aereo (FNTA), che raggruppa una serie di sindacati. Lo sciopero durerà 24 ore e Alitalia ha pubblicato una lista dei voli cancellati, 221 in totale tra 8, 9 e 10 ottobre: Alitalia ha infatti fatto sapere che «come conseguenza delle cancellazioni dei voli del 9 ottobre per gli scioperi di 24 ore, la Compagnia è stata costretta ad annullare anche alcuni collegamenti nella serata dell’8 ottobre e nella prima mattinata del 10 ottobre».

Alitalia ha anche comunicato che per ricevere assistenza si può chiamare il numero verde 800650055 dall’Italia e (+39)0665649 dall’estero, oppure controllare lo stato del proprio volo sul sito della compagnia, che nel frattempo ha attuato un piano straordinario che prevede l’utilizzo di aerei più capienti «con l’obiettivo di riprenotare i viaggiatori coinvolti nelle cancellazioni sui primi voli disponibili in giornata». Secondo Alitalia il 70 per cento dei passeggeri riuscirà a viaggiare nella stessa giornata del 9 ottobre. Gli utenti a cui è stato cancellato il volo per l’8 o il 10 ottobre potranno cambiare la prenotazione senza costi aggiuntivi oppure chiedere un rimborso entro il 24 ottobre.

Le motivazioni dello sciopero sono legate alla complicata trattativa per salvare Alitalia, portata avanti da una cordata di imprese di cui fa parte anche Atlantia, la società controllata dalla famiglia Benetton che gestisce in concessione la gran parte delle autostrade italiane, oltre alle Ferrovie dello Stato e alla compagnia aerea statunitense Delta.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.