Renee Zellweger alla prima di Judy al Toronto Film Festival, 10 settembre (Matt Winkelmeyer/Getty Images)
  • Cultura
  • lunedì 16 settembre 2019

Le foto del festival del cinema di Toronto

In Italia resta sempre un po' in secondo piano, ma ci passano tanti volti noti e ha vinto un film che quantomeno si fa notare

Renee Zellweger alla prima di Judy al Toronto Film Festival, 10 settembre (Matt Winkelmeyer/Getty Images)

Il Toronto International Film Festival, nel settore noto anche più semplicemente come TIFF, è uno dei festival cinematografici più importanti al mondo. In Italia non ne parliamo tanto perché arriva dopo la scorpacciata di cinema che si porta dietro il Festival di Venezia, ma è comunque un festival molto seguito: con centinaia di migliaia di presenze all’anno, tanti film e molta gente famosa. Quella terminata oggi è stata la 44ª edizione del TIFF e il premio più importante – il People’s Choice Award, assegnato dagli spettatori – è andato a Jojo Rabbit, un film su un bambino che ha Adolf Hitler come amico immaginario. Ne parliamo tra poco, ma prima le foto delle persone famose che ci passano (visto che i festival sono anche questo, oltre ai film).

Jojo Rabbit è diretto dal regista neozelandese Taika Waititi e tratto dal libro Caging Skies, e parla di un bambino tedesco di dieci anni che durante la Seconda guerra mondiale scopre che la madre (Scarlett Johansson) sta nascondendo in casa una bambina ebrea. La creazione di un amico immaginario con le sembianze di Adolf Hitler è una conseguenza di questa scoperta.

Negli ultimi anni il People’s Choice Award era andato a La La Land, Tre manifesti a Ebbing, Missouri e Green Book, film che poi sono andati benissimo alle successive edizioni dei premi Oscar.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.