Ricky Rubio e Tayavek Gallizzi nella finale dei Mondiali di Basket (WANG ZHAO / AFP)
  • Sport
  • domenica 15 settembre 2019

La Spagna è campione del mondo di basket

La nazionale di Ricky Rubio e Marc Gasol, allenata dall'italiano Sergio Scariolo, ha battuto 95-75 l'Argentina nella finale dei Mondiali a Pechino

Ricky Rubio e Tayavek Gallizzi nella finale dei Mondiali di Basket (WANG ZHAO / AFP)

La nazionale maschile spagnola è campione del mondo di basket per la seconda volta nella sua storia. A Pechino, nella finale della 18ª edizione dei Campionati mondiali, la Spagna allenata dall’italiano Sergio Scariolo ha battuto 95-75 l’Argentina grazie ai 20 punti di Ricky Rubio, il miglior giocatore del Mondiale, ai 15 di Sergio Llul e al contributo essenziale di Marc Gasol, autore di 7 assist e 14 punti.

(AP Photo/Ng Han Guan)

Almeno in partenza, Argentina-Spagna non era la finale più probabile dei Mondiali. Ma nel corso del torneo entrambe le squadre hanno ampiamente meritato di arrivare in fondo, approfittando anche delle prestazioni deludenti di Serbia e Stati Uniti, le due nazionali favorite in partenza. L’Argentina era arrivata alla finale di Pechino dopo aver eliminato Serbia e Francia nella fase a eliminazione diretta. La Spagna invece aveva battuto Polonia e Australia; nella seconda fase a gironi aveva anche eliminato l’Italia.

L’ultima e fino a ieri unica vittoria della Spagna ai Mondiali di basket risaliva al 2006 in Giappone. Tredici anni dopo, l’unico giocatore presente in Cina di quella squadra è Marc Gasol, che a 34 anni ha concluso una stagione memorabile appena pochi mesi dopo aver vinto il suo primo titolo NBA con i Toronto Raptors. Nella squadra canadese lavora anche l’allenatore della Spagna, il bresciano Scariolo, vice allenatore dai canadesi dal 2018. Nei nove anni passati ad allenare la Spagna, Scariolo ha vinto tre Europei e una medaglia d’argento alle Olimpiadi di Londra, dando un contributo decisivo al miglior periodo storico del basket spagnolo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.