• Mondo
  • sabato 13 Luglio 2019

Gli ultimi turisti dell’Uluru

Da ottobre non sarà più possibile scalare il famoso massiccio australiano, un luogo sacro per gli aborigeni, e molti allora ne stanno approfittando

Dal 25 ottobre 2019 sarà vietato salire o arrampicarsi sull’Uluru, conosciuto anche come Ayers Rock, il più famoso massiccio roccioso dell’Australia centrale, alto 348 metri. La decisione è stata presa dal parco nazionale australiano Uluru-Kata Tjuta perché l’Uluru è considerato un luogo sacro dagli aborigeni australiani. Per via della prossima chiusura, però, molti turisti stanno approfittando degli ultimi mesi per visitarlo, come mostrano decine di foto pubblicate su Instagram e Twitter. ABC ha anche scritto che molti turisti si sono accampati illegalmente e hanno abbandonato rifiuti lungo la strada che conduce in cima.

Oltre al rispetto per le credenze degli aborigeni, l’accesso all’Uluru è stato vietato anche per evitare incidenti: dagli anni Cinquanta, scrive il Guardian, sono morte durante la scalata almeno 37 persone, l’ultima un turista giapponese di 76 anni lo scorso luglio. Nell’ultimo anno il parco è stato visitato da 395.338 persone, il 20 per cento in più dell’anno precedente; di queste, l’87 per cento sono salite sull’Uluru.

View this post on Instagram

And up they go on # uluru

A post shared by Nathalie Kafurt (@ennekapeapeon) on

View this post on Instagram

Made it #tufferthanithought #uluru #cooberpedy

A post shared by Sean Alcock (@cock_decoq) on

View this post on Instagram

Ayers Rock #ayersrock #uluru #exploreuluru #australia

A post shared by Happydays (@itstimeforsunshine) on