• Mondo
  • mercoledì 1 novembre 2017

Dal 2019 non si potrà più scalare l’Uluru, il famoso massiccio roccioso in Australia

La direzione del parco nazionale australiano Uluru-Kata Tjuta ha deciso che dall’ottobre del 2019 sarà vietato salire o arrampicare l’Uluru, un massiccio roccioso dell’Australia centrale molto popolare tra i turisti e conosciuto anche con il nome Ayers Rock.

La decisione è stata presa perché l’Uluru – che è alto 348 metri – è considerato luogo sacro dagli aborigeni australiani. Dagli anni Ottanta il governo australiano aveva promesso di regolare il turismo sull’Uluru, ma siccome nel tempo la roccia era diventata un’attrazione molto popolare si era optato per misure meno restrittive. Negli ultimi anni erano per esempio stati installati cartelli che sconsigliavano l’arrampicata e facevano presente la natura sacra del posto.

(AP Photo/Rob Griffith/Pool)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.