• Moda
  • mercoledì 29 maggio 2019

La sfilata di Gucci ai Musei Capitolini

Femminista: con un utero fiorito disegnato su un vestito e la data dell'approvazione della legge 194 su una felpa

Gucci cruise 2020, Musei Capitolini, Roma, 28 maggio 2019 (AP Photo/Andrew Medichini)

«Roma è un luogo difficile da definire anche per un romano. È un po’ disordinata come lo erano alcuni dei ragazzi che sfilavano stasera, è libera, è artistica, è anarchica. La libertà è un’idea romantica, il sogno di essere come vogliamo», ha detto Alessandro Michele, il direttore artistico di Gucci, al termine della presentazione della sua nuova collezione martedì ai Musei Capitolini di Roma. La formula di Michele è sempre la stessa e sempre di successo: mescolare stili, gusti ed epoche diversi e lontani tra loro e creare uno stile, anzi un mondo, personale e unico, decisamente camp, cioè volutamente esagerato e artificioso.

La collezione – la cruise 2020, pensata per la mezza stagione e le vacanze – «è come al solito un omaggio a molte cose, a culture diverse e momenti storici diversi», ha raccontato Michele al sito di moda WWD. «Ci sono citazioni degli anni Settanta, un periodo in cui i confini erano confusi, rispetto a ora», e anche un momento di liberazione delle donne, a cui Michele ha reso omaggio in molti modi: con una felpa con scritto sopra “22.5.78”, la data in cui venne approvata la legge 194 sull’interruzione di gravidanza in Italia; con un vestito bianco con ricamato sul ventre un utero fiorito; con una giacca viola con scritto sopra «My Body My Choice».

View this post on Instagram

A uterus is embroidered on a pleated long sleeve gown designed by @alessandro_michele, moments before the #GucciCruise20 fashion show at @museiincomuneroma in Rome. This piece reflects the Creative Director’s continuing vision of freedom, equality and self-expression. Since founding @chimeforchange in 2013—the global campaign that represents and advocates for gender equality—@gucci has a longstanding commitment to women and girls by funding projects around the world to support sexual and reproductive rights, maternal health, and the freedom of individual choice. Learn more about the global partners for sexual and family health rights the campaign is donating to in 2019, which can be found in @chimeforchange’s link in bio. #AlessandroMichele #MuseiCapitolini

A post shared by Gucci (@gucci) on

Michele, che è romano, ha raccontato di aver scelto i Musei Capitolini – inaugurati nel 1734 e considerati il primo museo al mondo aperto al pubblico a non solo ai proprietari – perché da piccolo ci andava ogni weekend con suo padre, e perché «a mio modo di vedere, l’arte è la cosa meno esclusiva al mondo». La sfilata ha mescolato i modelli vivi e le statue antiche, quasi una rappresentazione dello stile creativo di Michele che unisce e confonde passato e presente: «tutto è contemporaneo, perché tutto esiste insieme. Se ogni giorno vedi statue e monumenti antichi, come puoi dire che non siano vivi? Sono qui, ogni giorno, come me e te». Gucci ha anche annunciato che finanzierà i lavori di restauro della Rupe Tarpea, la parete rocciosa da cui si racconta venissero gettati i traditori della patria condannati a morte.

View this post on Instagram

Moments before the #GucciCruise20 fashion show unfolding at Rome’s Capitoline Museums @museiincomuneroma, a look with ‘22.5.78’ refers to the date established of the Italian statute for the social protection of motherhood and the voluntary interruption of pregnancy, better known as statute 194. This jacket is created from @alessandro_michele’s continuing vision of freedom, equality and self-expression. Since founding @chimeforchange in 2013—the global campaign that represents and advocates for gender equality—@gucci has a longstanding commitment to women and girls by funding projects around the world to support sexual and reproductive rights, maternal health, and the freedom of individual choice. Because none of us can move forward if half of us are held back. Learn more about the global partners for sexual and family health rights the campaign is donating to in 2019, which can be found in @chimeforchange’s link in bio. #AlessandroMichele #MuseiCapitolini

A post shared by Gucci (@gucci) on

Alla sfilata erano presenti celebrità italiane e internazionali come Harry Styles (dal 2018 testimonial di Gucci), Salma Hayek (moglie di François-Henri Pinault, l’amministratore delegato di Kering, il gruppo francese che possiede Gucci), Elton John, Naomi Campbell, il cantante milanese Ghali, Alessandro Borghi e Valeria Golino.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.