• Italia
  • giovedì 21 marzo 2019

In Molise saranno richiamati al lavoro medici in pensione

Perché non ce ne sono abbastanza, ed è un problema che potrebbe riguardare presto anche altre regioni

La sede dell'ASREM a Campobasso, in Molise (ANSA)

Il commissario alla Sanità del Molise Angelo Giustini ha autorizzato l’Azienda sanitaria regionale (ASREM) ad affidare alcuni incarichi a medici in pensione perché nella regione c’è carenza di medici. In Molise capita spesso che non si riescano ad assegnare posti di lavoro all’interno dell’ASREM un po’ per il basso numero di partecipanti ai concorsi, un po’ perché i vincitori rinunciano agli incarichi ottenuti, anche se a tempo indeterminato. Il direttore sanitario dell’ASREM Antonio Lucchetti ha spiegato all’agenzia di stampa ANSA perché succede: «In Molise se non si è radicati, se non si hanno famiglia, affetti, interessi, chi ha la possibilità di lavorare da altre parti sceglie questa strada».

Di recente, ad esempio, l’ASREM non è riuscita ad assegnare due posti da dirigente medico in pediatria. Lucchetti ha anche raccontato: «Su 13 posti per dirigente medico del Pronto soccorso si sono presentati solo 3 candidati, per Ortopedia 2 su 4, Ostetricia e Ginecologia 2 su 5 e per Neonatologia non si è presentato nessuno».

Quello del Molise comunque non è l’unico problema di carenza di medici italiano, è solo più visibile per le dimensioni della regione, che ha solo 310mila abitanti. Negli ultimi anni si è parlato più volte di come sostituire le migliaia di medici di medicina generale (cioè i medici di famiglia) che andranno in pensione nei prossimi anni, ma la questione riguarda anche i medici specialistici. Secondo uno studio del sindacato di medici ANAAO Assomed la differenza tra i medici che andranno in pensione e quelli che invece accederanno alla professione da qui al 2025 è di 16.700 professionisti. La regione che avrà maggiori difficoltà a sostituire i propri medici è la Sicilia: è stimato che avrà una carenza di 2.251 specialisti da qui al 2025. Tra le regioni del nord quella che avrà i problemi maggiori è il Piemonte: gli mancheranno 2.004 medici. Le specializzazioni per cui le carenze saranno più sentite sono medicina d’urgenza, pediatria, anestesia e ginecologia.

Per ANAAO Assomed la causa principale di questi squilibri è «l’errata programmazione delle borse di specializzazione perpetrata negli anni passati»: per ridurre i costi sono stati formati meno medici di quanti ne fossero necessari.