Weekly Post #13 – La nuova Via della Seta passerà per l’Italia?

Cos'è la “Belt and Road Initiative” e perché il documento che sta per firmare il governo preoccupa Stati Uniti e Unione Europea, nella nuova puntata del podcast del Post

Il porto di Trieste. (ANSA)

La notizia delle intenzioni del governo italiano di firmare un documento d’intesa con la Cina riguardo alla “Belt and Road Initiative” è finita anche sui giornali internazionali: l’Italia potrebbe infatti diventare il primo paese del G7 a prendere accordi per quello che sarà il più grande e ambizioso piano di infrastrutture della storia recente dell’umanità. Ma l’Unione Europea e soprattutto gli Stati Uniti guardano con preoccupazione ai progetti espansionistici della cosiddetta “Nuova Via della Seta”, che insieme a centinaia di miliardi di dollari stanno portando in mezzo mondo anche l’influenza cinese e l’idea di un nuovo ordine mondiale contrapposto a quello americano. Nella nuova puntata del Weekly Post spieghiamo dall’inizio in cosa consiste la “Belt and Road Initiative”, e chiediamo a Giulia Pompili del Foglio che cosa ha in mente il governo italiano, e cosa sta firmando concretamente.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.