Una seggio alle primarie del 2009 (ANSA/ALESSANDRO DI MEO/DRN)

Come andarono le precedenti primarie del PD

Rapido ripasso di numeri e nomi per inquadrare meglio quelle di oggi: le prime si tennero dodici anni fa

Una seggio alle primarie del 2009 (ANSA/ALESSANDRO DI MEO/DRN)

Si stanno svolgendo oggi le primarie del Partito Democratico, per scegliere il nuovo segretario tra Maurizio Martina, Roberto Giachetti e Nicola Zingaretti. Quelle di oggi sono le quinte primarie nazionali del PD: le prime si tennero nell’ottobre 2007, quando nacque il partito; le successive nel 2009, nel 2013 e nel 2017. Le prime le vinse Walter Veltroni, le seconde Pier Luigi Bersani e le ultime due Matteo Renzi. Nel frattempo il PD ha anche avuto tre segretari reggenti non eletti alle primarie perché subentrati dopo le dimissioni dei predecessori: è il caso di Dario Franceschini, Guglielmo Epifani e Maurizio Martina. Qui avanti ci sono, in estrema sintesi, numero di votanti alle primarie e risultati dei candidati. Se invece volete sapere nel dettaglio come si elegge un segretario del PD, l’articolo da leggere è questo.

I risultati delle primarie prima di oggi

2007 – partecipanti dichiarati dal PD: 3.554.169
1. Walter Veltroni 75,8%
2. Rosy Bindi 12,8%
3. Enrico Letta 11%
4. Mario Adinolfi 0,1%
5. Pier Giorgio Gawronski 0,07%

2009 – partecipanti dichiarati dal PD: 3.067.821
1. Pier Luigi Bersani 53,2%
2. Dario Franceschini 34,2%
3. Ignazio Marino 12,5%

2013 – partecipanti dichiarati dal PD: 2.814.881
1. Matteo Renzi 67,5%
2. Gianni Cuperlo 18,2%
3. Pippo Civati 14,2%

2017 – partecipanti dichiarati dal PD: 1.838.938
1. Matteo Renzi 69,1%
2. Andrea Orlando 19,9%
3. Michele Emiliano 10,8%

Negli anni ci sono state anche delle primarie di coalizione del centrosinistra, organizzate in vista delle elezioni politiche. Per esempio quelle del 2012 in cui Bersani sconfisse Renzi, ma quelle erano appunto primarie di coalizione, a cui si candidarono anche esponenti di partiti diversi dal PD: ai tempi ci furono due turni, a cui parteciparono rispettivamente 3,1 e 2,8 milioni di persone.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.