• Mondo
  • mercoledì 13 febbraio 2019

Hanno trovato un altro piede su una spiaggia in Canada

È il quindicesimo, e la polizia ha chiesto aiuto per identificarlo (ribadendo che non c'è nessun serial killer di cui preoccuparsi)

La polizia canadese ha chiesto pubblicamente aiuto per identificare il proprietario di quello che è il quindicesimo piede trovato su una spiaggia del nord ovest del paese: era stato scoperto l’anno scorso, ma gli esami condotti nelle scorse settimane non sono riusciti a stabilire a chi appartenesse. Il piede, come gli altri ritrovati negli anni scorsi, era infilato in una scarpa – una Nike da corsa grigia – e in un calzino blu. Gli esami del DNA hanno ricostruito che fosse di un uomo, probabilmente sotto i cinquant’anni: non hanno però trovato corrispondenze nei database delle persone scomparse.

Quello dei piedi ritrovati sulle spiagge del nord ovest del Canada è un mistero molto raccontato dai media internazionali negli ultimi anni, per le sue caratteristiche bizzarre e un po’ raccapriccianti. Nel tempo sono state avanzate varie teorie: all’inizio si ipotizzò che potessero appartenere a delle persone morte nello tsunami che colpì il sud est asiatico nel 2004; altri suggerirono che si trattasse del lavoro di un serial killer; altri ancora parlarono di criminalità organizzata o di traffico di esseri umani.

In realtà, oggi c’è consenso su una spiegazione più semplice: i piedi appartengono a persone morte per suicidio o per incidente in mare, e che si sono staccati dal resto del corpo naturalmente, senza essere mozzati. I cadaveri in mare si sono decomposti, ma i piedi – spesso attaccati alla tibia e al perone – sono stati tenuti a galla dalle scarpe. Non è un caso che fossero tutte calzature da ginnastica, perché resistono meglio all’acqua e rimangono a galla: i piedi in scarpe diverse affondano più facilmente, e per questo non ne arrivano sulle spiagge.

La foto dell’ultima scarpa – senza il piede – è stata diffusa dal British Columbia Coroners Service, che ha spiegato che la taglia è un 43, e che è stata prodotta tra il primo febbraio e il 17 aprile del 2017. Un portavoce dell’ufficio dei coroner della British Columbia ha ribadito che non c’è niente di sospetto, e che non c’è motivo per allarmarsi. Il primo piede fu trovato nell’agosto del 2007: da allora ne sono stati scoperti altri quattordici, compreso l’ultimo. Dieci sono stati identificati, cinque ancora no.

TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.