Ligabue con un grande accessorio, durante la sua esibizione (ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)
  • TV
  • sabato 9 Febbraio 2019

Le foto di venerdì sera a Sanremo

Quelle dei conduttori, dei cantanti in gara, degli ospiti che li hanno accompagnati nei duetti e di Ligabue: per chi ieri sera ha fatto altro

Ligabue con un grande accessorio, durante la sua esibizione (ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

Venerdì sera, per la quarta serata del Festival di Sanremo 2019, una serata alla fine della quale non è stata letta la classifica parziale, si sono esibiti tutti e 24 i cantanti in gara. Questa volta però lo hanno fatto duettando ognuno con uno o più ospiti, con cui hanno presentato una versione rivisitata della propria canzone: qualcuno ha scelto cantanti, spesso di genere e stile molto diverso dal proprio, qualcuno ballerini, qualcuno musicisti e qualcun altro attori.

Achille Lauro, per esempio, ha duettato con Morgan, Arisa con Tony Hadley (l’ex cantante degli Spandau Ballet), Daniele Silvestri con Manuel Agnelli, Federica Carta e Shade con Cristina D’Avena, Ultimo con Fabrizio Moro, gli Zen Circus con Brunori Sas, Mahmood con Gué Pequeno, i Negrita con Enrico Ruggeri e Roy Paci. L’esibizione di Francesco Renga è stata accompagnata da una performance della ballerina Eleonora Abbagnato, con Nek è salito sul palco Neri Marcoré, con Paola Turci è arrivato Beppe Fiorello, tra gli altri.
Il “superospite” di questa sera è stato Luciano Ligabue, che ha presentato il suo nuovo disco, Start, e ha fatto un omaggio a Francesco Guccini cantando Dio è morto insieme a Claudio Baglioni.

Baglioni, invece, ha cantato meno delle sere precedenti – il programma era già abbastanza fitto così – ma ha aperto la serata con la sua canzone Acqua dalla luna accompagnato da una un numeroso gruppo di ballerini, si è vantato di quello che è stato probabilmente un numero record di esibizioni («Ci saranno 56 artisti sul palco, un numero mai visto qui»), e più tardi nella serata ha ricordato le 43 persone morte nel crollo del ponte Morandi.

 

Claudio Bisio ha recitato un monologo sui giovani e “il difficile mestiere del padre” che molti hanno riconosciuto come emanazione di Gli sdraiati di Michele Serra (comprensibilmente: Bisio ha interpretato il libro di Serra a teatro e al cinema, e Serra è uno dei suoi autori). Alla fine del monologo di Bisio è arrivato l’altro ospite della serata, il rapper Anastasio, a sorpresa.

Per la quarta serata, inoltre, è entrata per la prima volta in gioco la giuria degli esperti, con un peso del 20 per cento. Nel voto di venerdì sera il televoto contava per il 50 per cento e il voto della sala stampa per il 30 per cento. Non c’è stato il momento della lettura della “classifica della quarta serata”: i voti di venerdì sera verranno conteggiati nella classifica definitiva, quella della finale di stasera. La giuria di esperti, però, stasera ha assegnato un premio, quello per il miglior duetto: l’hanno vinto Motta e Nada.