ANSA/RICCARDO ANTIMIANI
  • TV
  • giovedì 7 febbraio 2019

Chi è Mahmood

Ha partecipato a X-Factor nel 2012 ed era già stato a Sanremo, nel 2018, tra le "Nuove Proposte"

ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Mahmood, il cui vero nome è Alessandro Mahmoud, è tra i concorrenti che partecipano alla 69esima edizione del Festival di Sanremo e stasera sarà tra i secondi 12 concorrenti a esibirsi durante la terza serata del Festival. Mahmood è nato a Milano nel 1992 da madre italiana e padre egiziano, e ha iniziato la sua carriera musicale partecipando alla sesta edizione di X-Factor, nel 2012, venendo eliminato alla terza puntata. Nel 2017 Mahmood ha collaborato con Fabri Fibra al singolo “Luna” e nel 2018 è stato tra gli autori di “Sobrio” e di “Nero Bali”, due canzoni registrate da Elodie e dal rapper Guè Pequeno. Mahmood aveva già partecipato al festival di Sanremo, nel 2016, nella sezione giovani, con la canzone “Dimentica”.

Mahmood non è classificabile in un unico genere, ma a grandi linee è più vicino al mondo del pop che a quello dell’hip-hop, nonostante la collaborazione con Fabri Fibra. In un’intervista data a Rolling Stone ha detto che gli artisti che lo hanno ispirato di più sono Beyoncé, Travis Scott e Frank Ocean, ma che ascolta anche molta musica italiana. Lo scorso dicembre è stato uno dei due vincitori di Sanremo Giovani e grazie a questo ha ottenuto la possibilità di partecipare a Sanremo insieme all’altro vincitore del concorso, Einar.

Il testo di “Soldi”, la canzone che Mahmood canterà a Sanremo:

In periferia fa molto caldo
Mamma stai tranquilla sto arrivando
Te la prenderai per un bugiardo
Ti sembrava amore era altro
Beve champagne sotto Ramadan
Alla TV danno Jackie Chan
Fuma narghilè mi chiede come va
Mi chiede come va come va come va
Sai già come va come va come va
Penso più veloce per capire se domani tu mi fregherai
Non ho tempo per chiarire perché solo ora so cosa sei
È difficile stare al mondo quando perdi l’orgoglio lasci casa in un giorno
Tu dimmi se
Pensavi solo ai soldi soldi
Come se avessi avuto soldi
Dimmi se ti manco o te ne fotti
Mi chiedevi come va come va come va
Adesso come va come va come va
Ciò che devi dire non l’hai detto
Tradire è una pallottola nel petto
Prendi tutta la tua carità
Menti a casa ma lo sai che lo sa
Su una sedia lei mi chiederà
Mi chiede come va come va come va
Sai già come va come va come va
Penso più veloce per capire se domani tu mi fregherai
Non ho tempo per chiarire perché solo ora so cosa sei
È difficile stare al mondo
Quando perdi l’orgoglio
Ho capito in un secondo che tu da me
Volevi solo soldi
Come se avessi avuto soldi
Prima mi parlavi fino a tardi
Mi chiedevi come va come va come va
Adesso come va come va come va
Waladi waladi habibi ta’aleena
Mi dicevi giocando giocando con aria fiera
Waladi waladi habibi sembrava vera
La voglia la voglia di tornare come prima
Io da te non ho voluto soldi…
È difficile stare al mondo
Quando perdi l’orgoglio
Lasci casa in un giorno
Tu dimmi se
Volevi solo soldi soldi
Come se avessi avuto soldi
Lasci la città ma nessuno lo sa
Ieri eri qua ora dove sei papà
Mi chiedi come va come va come va
Sai già come va come va come va

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.