• Mondo
  • domenica 20 gennaio 2019

No, la presenza di ong nel Mediterraneo non attira i migranti verso l’Europa

Lo ha sostenuto di nuovo il ministro Salvini, ma i dati dicono che è falso

La nave Sea Watch (ANSA/AP Photo/Rene Rossignaud)

Dopo il grosso naufragio di ieri nel Mediterraneo, avvenuto al largo delle coste libiche e nel quale secondo le testimonianze dei sopravvissuti sono disperse quasi 120 persone, il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha nuovamente incolpato le ong che soccorrono i migranti nel Mediterraneo di attirarli verso il mare con la loro presenza. Secondo Salvini, le cui dichiarazioni sono state riprese acriticamente dalle prime pagine di diversi quotidiani italiani, le operazioni delle navi delle ong al largo della Libia aumenterebbero le partenze di barconi e gommoni dal Nord Africa, e di conseguenza il numero di morti. È una tesi molto diffusa e che potrebbe anche sembrare plausibile, ma ha un problema: non ci sono dati che la sostengano. Anzi, quelli a disposizione dicono il contrario.

Secondo Salvini, in pratica, il fatto che ci siano delle navi che percorrono il Mediterraneo in cerca di imbarcazioni da aiutare sarebbe una sorta di garanzia per i migranti sulla possibilità di essere soccorsi durante il loro viaggio: per questo, sentendosi più sicuri, partirebbero in numero maggiore. Ma i più completi dati a disposizione dicono che non esiste questo tipo di correlazione, come ha ricordato su Twitter il ricercatore dell’ISPI Matteo Villa, esperto di immigrazione.

Se si mette sull’asse orizzontale di un grafico la percentuale di migranti soccorsi dalle ong sul numero totale delle operazioni di salvataggio su base mensile, e sull’asse verticale il numero di persone partite dalla Libia nello stesso periodo, si nota che non c’è una correlazione, e che la tendenza che emerge non conferma la teoria di Salvini. Non è vero, cioè, che nei mesi in cui l’attività delle ong è più intensa le partenze sono necessariamente di più: ci sono infatti molti pallini “bassi”, cioè corrispondenti a poche partenze, nella parte destra del grafico, quella che indica i mesi con le maggiori percentuali di migranti soccorsi dalle ong.

I dati utilizzati da Villa arrivano dalla Guardia Costiera, dall’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim) e dall’agenzia dell’ONU per i rifugiati. Si riferiscono al periodo dal gennaio del 2016 all’aprile del 2018: comprendono quindi sia il periodo di massima attività delle ong nel Mediterraneo, sia i periodi in cui non hanno partecipato a nessuna operazione.

Le cose non cambiano se si considera il numero di persone morte nei naufragi: un’accusa ancora più grave che viene spesso rivolta alle ong è di essere direttamente responsabili non solo dell’aumento delle partenze, ma anche dell’aumento dei morti. Come ha spiegato Villa, «i dati dicono una cosa semplice: quest’asserzione è falsa».

Chi sostiene la teoria che l’attività delle navi delle ong provochi un aumento delle partenze di migranti cita quasi sempre i dati sugli sbarchi in Italia, che sono drasticamente diminuiti a partire dall’estate del 2017. Ma quella diminuzione non fu dovuta alla ritirata delle ong dal Mediterraneo, bensì all’avvio delle politiche di deterrenza volute dall’allora ministro dell’Interno Marco Minniti, che prese accordi con alcune milizie libiche per bloccare buona parte delle partenze e per far riportare in Nord Africa buona parte dei migranti soccorsi in mare. Quando le partenze iniziarono a diminuire, a metà del luglio del 2017, tutte le navi delle ong erano ancora operative, aveva spiegato sempre Villa a Internazionale.

Un’altra tesi molto popolare, soprattutto negli ambienti della destra radicale, è che le ong stringano accordi con i trafficanti per farsi consegnare i migranti, legittimando di fatto la loro attività. Un legame di questo tipo non è mai stato accertato né da inchieste giornalistiche né giudiziarie, nonostante da un paio d’anni le ong che soccorrono le persone nel Mediterraneo siano oggetto di analisi scrupolose sulle loro attività e i loro finanziamenti.

I rappresentanti delle ong da sempre ricordano che gli sbarchi di migranti erano già aumentati prima del loro arrivo nel Mediterraneo, e pongono l’attenzione sul fatto che le ragioni che spingevano i migranti a scappare dai loro paesi d’origine non sono state risolte. «Nei mesi successivi all’interruzione di Mare Nostrum [l’operazione umanitaria del governo Letta per soccorrere persone al largo della Libia, conclusa nel 2014] c’è stato un aumento delle partenze, eppure non c’erano mezzi pronti al soccorso», aveva raccontato a Internazionale Marco Bertotto, responsabile della promozione di Medici Senza Frontiere. «Sono diversi i fattori che determinano i picchi di arrivi e questo ci porta a dire che a prevalere è comunque il fattore di spinta (push factor) rispetto al fattore di attrazione (pull factor). Sono le ragioni per cui fuggono che spingono queste persone a mettersi in mare non certo la possibilità – che non è certezza – di essere salvati».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.