AP Photo/Gregorio Marrero
  • Mondo
  • martedì 15 gennaio 2019

Le ricerche per il bambino caduto in un pozzo in Spagna

Si trova a diverse decine di metri di profondità, in un buco largo 25 centimetri: i soccorritori potrebbero scavare un altro buco per provare a raggiungerlo

AP Photo/Gregorio Marrero

A Totalán – nel sud della Spagna, vicino a Malaga – sono ancora in corso le operazioni per trovare e salvare il bambino di 2 anni e mezzo che domenica pomeriggio è caduto in un pozzo profondo più di cento metri e dal diametro di circa 25 centimetri. Ancora non si sa a che profondità si trovi il bambino e se sia ancora vivo. Finora l’unica traccia trovata da un sondino mandato giù per il pozzo, a circa 70 metri di profondità, è un sacchetto di caramelle che il bambino aveva con sé al momento della caduta. Non si sa se il bambino è vivo o no e non si sa a che profondità si trova. Nessuna telecamera o nessuno strumento di altro tipo è per ora riuscito a localizzarlo.

Il pozzo – una lunga cavità verticale dalle pareti lisce ma non puntellate – era stato costruito alcune settimane fa per cercare acqua. Non era stata trovata ed era quindi stato semplicemente chiuso con un coperchio. Il “coperchio” è stato trovato poco vicino al buco e non è chiaro chi o cosa l’abbia spostato.

Si pensa che negli ultimi metri il pozzo sia formato da sabbia bagnata, che potrebbe aver fermato la caduta del bambino. Per estrarlo, o anche solo localizzarlo, i soccorritori hanno aspirato parte di questa sabbia, e parte della terra che potrebbe essere caduta insieme al bambino, a causa del suo contatto con le pareti. Secondo quanto scritto da El País, che sta seguendo la vicenda con un liveblog, quest’operazione è finita questa mattina. Ora che la sabbia è stata rimossa, si sta cercando di costruire un tunnel parallelo al pozzo per provare a raggiungere la profondità a cui si pensa si trovi il bambino.

Il bambino si chiama Julen Roselló ed è caduto nel pozzo alle 14 di domenica 13 gennaio, mentre era lì vicino con i genitori José e Vicky e alcuni loro amici. El País ha scritto che i genitori del bambino vivono a Malaga e che due anni fa un loro figlio, Oliver, morì di arresto cardiaco all’età di tre anni, mentre era in spiaggia con loro.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.