Momenti sospesi di salto con l’asta

Klaus Lenzen ha provato a fare foto di sport diverse dalle solite foto di sport

Nella serie Pole vault del fotografo Klaus Lenzen ci sono mani che si tendono verso un’asta, gambe all’aria, muscoli di atleti di cui non si vede mai la faccia che entrano nella cornice fotografica dai suoi margini, tutto in una tonalità leggera di grigio. A differenza delle foto sportive a colori forti, con azioni decise e espressioni di fatica a cui siamo abituati, Lenzen ha provato a ritrarre il salto con l’asta in un modo diverso, con grande eleganza e molta attenzione all’estetica: «Ho cercato di fare qualcosa di diverso dalla normale fotografia sportiva. Questo sport altamente estetico merita di essere ritratto in modo artistico, stimolando l’immaginazione dello spettatore».

Le foto sono state scattate durante una manifestazione di decathlon – una specialità dell’atletica leggera – a Ratingen, in Germania, e di recente sono state selezionate per un concorso della piattaforma online di fotografia Lensculture: per questo motivo ad aprile saranno esposte all’Aperture Gallery di New York. Jim Casper – direttore di Lensculture, che faceva parte della giuria del concorso – ha commentato così le foto di Lenzen: «Queste composizioni minimali sono calmi momenti di movimento e tempo, liberati dai limiti della gravità, ritagliati fuori dal contesto senza diventare completamente astratti, fluttuanti in uno spazio neutro, sospesi in toni granulosi e surreali di grigio. Ci mostrano cosa c’è all’interno e all’esterno della cornice e celebrano piccoli miracoli: momenti in un balletto atletico di precisione, grazia, equilibrio e bellezza».

Klaus Lenzen è un ex impiegato di banca in pensione, è nato nel 1953 e vive a Ratingen, vicino a Düsseldorf, in Germania. Si occupa di fotografia dal 2011. Le sue foto hanno vinto premi come il Sony World Photography Awards e il Siena International Photo Awards.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.