(ANSA/IGOR PETYX)

I sindaci contro il “decreto sicurezza”

Hanno annunciato che non applicheranno disposizioni che secondo loro servono solo a rendere la vita più difficile agli stranieri

(ANSA/IGOR PETYX)

I sindaci di cinque importanti città, Palermo, Napoli, Firenze, Reggio Calabria e Parma, si sono opposti all’applicazione del “decreto sicurezza” voluto dal ministro dell’Interno Matteo Salvini e approvato dal Parlamento, e hanno promesso di disobbedire ad alcune disposizioni contro gli stranieri che considerano incostituzionali e in violazione dei diritti umani. Molti altri, tra cui il sindaco di Milano e il presidente dell’associazione dei comuni, hanno criticato il decreto e chiesto al governo di modificarlo. Salvini ha risposto annunciando che i sindaci che non applicheranno la legge saranno denunciati. Il “decreto sicurezza” era già stato molto contestato per aver costretto centinaia di stranieri presenti regolarmente in Italia ad abbandonare alloggi e percorsi di integrazione e a vivere per strada.

Il primo ad annunciare la protesta contro il decreto è stato il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che l0 ha definito “disumano” e “criminogeno” e ha dato disposizione scritta all’ufficio dell’anagrafe della sua città di non applicarne l’articolo 13, quello che stabilisce il divieto di iscrizione all’anagrafe cittadina per i titolari di permesso di soggiorno per richiesta d’asilo (cioè quello dato agli stranieri in attesa di sapere se la loro richiesta di protezione internazionale sarà accolta). È una disposizione ritenuta da molti vessatoria, che colpisce gli stranieri regolari senza produrre vantaggi visibili.

Senza iscrizione all’anagrafe, infatti, non si può fare richiesta di carta di identità e si rimane privi di residenza. In teoria, anche in queste condizioni, gli stranieri avrebbero comunque diritto ad accedere a servizi pubblici e privati, ma come ha ricordato l’Associazione studi giuridici sull’immigrazione, molti enti pubblici e privati non conoscono perfettamente le regole e quindi si rifiuteranno di erogare servizi a persone prive di residenza. Banche e centri per l’impiego, per esempio, potrebbero rendere più lenta e difficoltosa l’apertura di un conto corrente o l’iscrizione nelle proprie liste di collocamento a uno straniero dotato di regolare permesso di soggiorno, ma senza residenza.

Al momento la protesta di Orlando ha ricevuto l’appoggio di Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, Dario Nardella, sindaco di Firenze, Giuseppe Falcomatà, sindaco di Reggio Calabria, e Federico Pizzarotti, sindaco di Parma. Altri, come il sindaco del M5S di Pomezia Adriano Zuccalà e quello PD di Pescara Marco Alessandrini, hanno espresso dubbi sulla costituzionalità o sull’utilità del decreto, mentre Antonio Decaro, presidente dell’ANCI, l’associazione dei comuni, e sindaco di Bari, ha detto che di fronte a questa nuova protesta è diventato necessario un incontro tra sindaci e governo per discutere una modifica della legge. La stessa richiesta è stata formulata anche dal sindaco di Milano, Beppe Sala che ha chiesto: «Salvini ci ascolti e riveda il decreto». Anche il PD e i due suoi principali candidati alla segreteria, Maurizio Martina e Nicola Zingaretti, hanno appoggiato l’iniziativa.

I sindaci che come Orlando tradurranno in ordinanze scritte la loro protesta rischieranno una denuncia per abuso d’ufficio. In quel caso, il giudice del procedimento potrebbe decidere di ricorrere alla Corte Costituzionale, che a quel punto sarebbe chiamata a giudicare sulla costituzionalità del decreto sicurezza. Secondo numerosi ex giudici della Corte Costituzionale, intervistati oggi dai quotidiani Repubblica, Stampa Mattino, è probabile che la Corte decida di giudicare incostituzionali alcune parti del decreto, sospettato di numerose forzature già al momento della sua discussione e approvazione lo scorso autunno.

Anche se non tutti gli ex giudici concordano sulla regolarità del modo di protestare deciso dal sindaco Orlando, sono tutti d’accordo nel dire che la parte contestata dal decreto non sembra rispettare i trattati internazionali sottoscritti dall’Italia in materia di protezione dei diritti delle persone. Inoltre, secondo l’ex giudice Sabino Cassese, intervistato dal Mattino, le azioni di Orlando avrebbero un’ulteriore giustificazione, poiché il decreto non modifica esplicitamente la legge del 1998 che consente agli stranieri di essere iscritti all’anagrafe grazie al permesso di soggiorno.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.