• Cultura
  • venerdì 28 dicembre 2018

Senza di te

Quelli che non ci saranno più nel 2019, ma che fino al 2018 si erano fatti notare

Non si è scritto ancora abbastanza, in questi anni, di cosa sia diventato il lutto condiviso, partecipato, espresso, per le morti delle persone famose, ai tempi di internet e dei social network: nelle trasformazioni dei nostri comportamenti, esserci ed essere coinvolti è diventata una priorità anche quando arrivano le notizie di morti, e anche i media lo hanno imparato e le celebrazioni funebri occupano spazi sempre più grandi, e personaggi che da vivi avevano avuto meriti ma fame circoscritte ne conoscono di planetarie nei giorni in cui non ci sono più. Le cose cambiano, insomma, ma il Post mantiene questo ricordo annuale di “chi non c’è più”, per attenuare quella colpevole sensazione di dimenticarsi delle persone e della loro assenza, e anche per riassumere che anno è stato, quali storie ha chiuso. Il 2016 era stato molto commentato come l’anno “orribile” delle morti di persone di musica e cinema molto amate: il 2018, come il 2017, è stato meno triste su quel piano, ma diventerà la data associata alle biografie di molte persone eccezionali, quasi tutte nel bene, poche nel male, e alcune nel mezzo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.