Come cancellare le ricerche vocali su Google Home e Amazon Echo

Qualche consiglio per chi li ha ricevuti o li ha regalati a Natale, e non sa che tutte le conversazioni vengono registrate

(Jack Taylor/Getty Images)

È possibile che tra le cose che avete ricevuto o avete regalato per Natale ci sia un dispositivo Google Home o un Amazon Echo, gli assistenti vocali per la casa prodotti rispettivamente da Google e Amazon. Entrambi funzionano più o meno alla stessa maniera: dopo averli connessi alla rete elettrica e a una rete Wi-Fi, questi dispositivi restano costantemente in ascolto – a meno che non li si spenga – e sfruttano il riconoscimento vocale per rispondere alle richieste degli utenti, formulate come normali frasi da conversazione, ed eseguirle.

Nel caso di Google Home si deve iniziare la domanda pronunciando “Ok Google”o “Hey Google”, mentre per gli Amazon Echo basta pronunciare il nome “Alexa”, il nome dell’assistente vocale. Si possono chiedere le cose più varie, dalle previsioni del tempo, alla riproduzione di una canzone; oppure li si può collegare a oggetti pensati appositamente per rendere la casa “smart”, come lampadine e termostati Wi-Fi, o dispositivi per tenere d’occhio i neonati. È bene però sapere che tutte le domande vengono registrate dai dispositivi, e conservate nella loro memoria, quindi ecco alcuni consigli su come tenere sotto controllo la cronologia dei propri comandi.

Nel caso degli Amazon Echo non è molto difficile: basta infatti andare sull’app di Alexa del proprio smartphone o del proprio tablet, entrare nel menù a cui si accede in alto a sinistra, selezionare “Impostazioni”, poi “Account Alexa” e infine “Cronologia”. Qui è possibile vedere tutte le proprie attività, dalle ricerche alle canzoni riprodotte, e scegliere se mantenerle, magari riascoltare la propria voce registrata o dare un feedback al sistema, o cancellarle.

Nel caso dei dispositivi Google Home la procedura non è altrettanto semplice. Per prima cosa bisogna andare sulla pagina del proprio account Google, raggiungibile all’indirizzo myaccount.google.com, e selezionare nel menù a destra prima l’opzione “Dati e personalizzazione”, e poi “Gestione attività”. Si aprirà una schermata che raccoglie tutte le ricerche fatte su Google nel corso degli anni, ma anche i video guardati su YouTube, i luoghi cercati su Google Maps e la cronologia dei posti da cui ci si è connessi.

Tra le varie opzioni c’è anche “Attività vocale e audio”, che è quella in cui sono registrate tutte le conversazioni vocali fatte con Google Home. Cliccando in altro a destra su ogni ricerca è possibile conoscerne i dettagli, come il luogo in cui è stata effettuata, oppure ascoltarla. Per cancellarle si possono selezionare singolarmente, eliminandole una a una, oppure si può selezionare “Elimina per” nel menù a sinistra, e scegliere se cancellare quelle odierne, di ieri, degli ultimi 7 o 30 giorni, o tutte le ricerche di sempre. Una volta cancellata una ricerca, non sarà più recuperabile.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.