È morto Bernardo Bertolucci

Era uno dei più ammirati registi italiani, famoso per “Novecento” e “Ultimo Tango a Parigi”: aveva 77 anni

Bernardo Bertolucci durante un incontro pubblico a Roma nel 2016 (Ernesto Ruscio/Getty Images)

Bernardo Bertolucci, tra i più importanti registi italiani di sempre, famoso per film come Novecento e Ultimo tango a Parigi, è morto a 77 anni. Nel 1988 diventò il primo – e tuttora unico – italiano a vincere l’Oscar per la migliore regia per il film L’Ultimo Imperatore, kolossal sulla vita dell’imperatore cinese Pu Yi che di Oscar ne vinse in tutto nove. Bertolucci è morto alle 7 di lunedì mattina, delle conseguenze di un cancro, ha fatto sapere una persona che lavorava per lui. Famoso tra le altre cose per essere finito al centro di molte polemiche, per la sua abitudine di usare uno stile esplicito e provocatorio nel rappresentare temi come politica e sessualità, e anche per la durata monumentale di diversi suoi film, Bertolucci è stato uno dei più importanti registi italiani della sua generazione, ma a differenza di quasi tutti gli altri riuscì a passare dal cinema italiano a quello hollywoodiano, raggiungendo una fama internazionale.

Bertolucci era nato nel 1941 a Parma, figlio del noto poeta Attilio. Suo fratello minore Giuseppe, nato nel 1947, sarebbe diventato un noto sceneggiatore, lavorando con lo stesso Bernardo in diversi film. Era cresciuto nella campagna parmigiana, e da adolescente aveva realizzato alcuni cortometraggi con una cinepresa da 16 mm: nonostante l’interesse per il cinema, inizialmente studiò e si dedicò principalmente alla poesia, vincendo anche il premio Viareggio Opera Prima nel 1962. Poco dopo però lasciò la facoltà di Lettere per fare da assistente a Pier Paolo Pasolini durante le riprese di Accattone (1961). Due anni dopo debuttò alla regia con La commare secca, un film sull’omicidio di una prostituta a Roma, sceneggiato proprio da Pasolini.

Nel 1964 girò il suo secondo film, Prima della rivoluzione, sui conflitti esistenziali e sentimentali di un giovane della borghesia agricola parmigiana. Nel 1970 adattò Il conformista di Alberto Moravia, ma fu nel 1972 che ottenne la fama internazionale con Ultimo tango a Parigi, con Marlon Brando e Maria Schneider. Il film, che racconta di una relazione unicamente sessuale tra due protagonisti che non riescono a inserirsi nella capitale francese degli anni Settanta, suscitò un grande scandalo internazionale per i contenuti estremamente espliciti per l’epoca. Ebbe però un enorme successo di pubblico, e rimane tuttora tra i film italiani con i maggiori incassi.

Novecento, il film successivo di Bertolucci, uscì nel 1976 e racconta l’Emilia nella prima metà del secolo scorso, in oltre 300 minuti di film. Al centro della storia, che comincia nel giorno della morte di Giuseppe Verdi, nel 1901, c’è l’amicizia tra un proprietario terriero, interpretato da Robert De Niro, e un contadino, interpretato da Gerard Depardieu. Sullo sfondo, invece, ci sono i grandi eventi politici del primo Novecento italiano, dal Ventennio fascista alla Resistenza.

Nel 1987 uscì L’ultimo imperatore, sulla vita dell’imperatore cinese Pu Yi, che vinse in tutto nove premi Oscar tra cui quello per il miglior film, la migliore regia e la migliore sceneggiatura non originale. Negli anni successivi, Bertolucci realizzò altri film simili, storici e ad ambientazione esotica: Il tè nel deserto (1990), con John Malkovich e Debra Winger, ambientato nel Marocco degli anni Quaranta; e Piccolo Buddha, con Keanu Reeves, ambientato in Tibet.

Negli ultimi anni fece film meno visti e in alcuni casi meno riusciti, trovando però un rinnovato successo con The DreamersI sognatori, diventato un film da manuale del cinema alternativo dei primi anni Duemila. Dal 2003 era su una sedia a rotelle, a causa di un’operazione riuscita male. Nel 2011, a Bertolucci fu assegnata anche la Palma d’Oro onoraria al Festival di Cannes. Il suo ultimo film, Io e te, era uscito nel 2012.

Mostra commenti ( )