La Soyuz tornerà a trasportare esseri umani in orbita il prossimo 3 dicembre

L’agenzia spaziale russa, Roscosmos, ha annunciato lo scorso 1 novembre che le missioni con esseri umani sulle Soyuz riprenderanno il prossimo 3 dicembre, con un nuovo lancio verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) con tre persone a bordo del razzo spaziale. L’11 ottobre scorso un malfunzionamento poco dopo il lancio aveva reso necessaria l’attivazione di una procedura di emergenza, per riportare a terra un astronauta della NASA e un cosmonauta russo all’interno della capsula spaziale, interrompendo il loro viaggio verso la ISS. Secondo le indagini svolte da Roscosmos, il problema era stato causato dal malfunzionamento di un sensore al momento della separazione del primo stadio dal resto del razzo. Prima del 3 dicembre, Roscosmos effettuerà il lancio di una capsula da trasporto Progress, sempre verso la ISS, con l’obiettivo di verificare la sicurezza del razzo, a oggi l’unico sistema per trasportare astronauti e cosmonauti sulla ISS.

La Soyuz subito dopo il lancio dal cosmodromo di Baikonur, in Kazakistan (NASA / Roscosmos)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.