Il tempo della montagna

Foto "vicine nello spazio e lontane nel tempo", nel progetto fotografico di Federico Aimar

Visioni di memorie che crollano è il progetto fotografico di Federico Aimar, che ha messo insieme le foto che ha scattato in montagna, nelle zone della Valle Sacra, in provincia di Torino, e alcune foto antiche ritrovate nelle stesse zone, per realizzare “un’esplorazione della montagna e del suo tempo”.

Aimar ha spiegato di aver iniziato a fotografare i dintorni della valle dopo essere rimasto colpito dalle case, ora in rovina, che un tempo venivano costruite come rifugio dagli allevatori che portavano al pascolo il bestiame:

«Partendo dalle case che crollano come metafore di ricordi che lentamente sfumano nel tempo, ho iniziato a fotografare le rovine sparse nel paesaggio montano; piccoli baluardi che ancora resistono, come se la fatica spesa nel costruirli fosse il collante contro il tempo inesorabile. Decisi di prenderle come filo conduttore per comprendere cosa significa l’abbandono e quali siano le conseguenze del dimenticare, sia sul paesaggio, sia sugli uomini».

Mentre Aimar portava avanti il suo progetto, una coppia della zona trovò dei negativi su vetro in una di queste case in rovina, ereditata da poco, e chiese ad Aimar di occuparsi della loro archiviazione digitale. Aimar decise di unire le foto che stava scattando per il suo progetto a quelle ritrovate: le immagini più antiche risalgono agli inizi del Novecento e Aimar ha fatto in modo che foto vecchie e nuove dialogassero tra loro – “vicine nello spazio, lontane nel tempo” – e in alcuni casi si rispecchiassero, mostrando in inquadrature simili come erano i paesaggi in passato e come sono ora.

Visioni di memorie che crollanoFederico Aimar

Aimar è un giovane fotografo italiano che ha studiato allo IED (Istituto Europeo di Design) di Torino. Vive e lavora a Castellamonte, un piccolo paese all’imbocco della Valle Sacra, dove oltre ad occuparsi di fotografia produce formaggi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.