Una delle strisce di "In cucina con Kafka" di Tom Gauld
  • Cultura
  • martedì 25 settembre 2018

Ridere dei libri

Di chi li scrive e di chi li legge, con le vignette di Tom Gauld raccolte in un libro pubblicato oggi da Mondadori

Una delle strisce di "In cucina con Kafka" di Tom Gauld

Il mondo di chi fa i libri è un mondo piccolo, ma dato che capita spesso che chi ne fa parte poi ci scriva dei libri sopra, è abbastanza conosciuto e sono conosciute le sue stranezze e le manie di grandezza da cui sono affette alcune delle persone che ci lavorano, scrittori ma non solo. Si presta dunque molto bene a subire parodie, e tanti autori ne hanno fatte in passato. Un libro uscito oggi in libreria lo fa in un modo nuovo: a fumetti. Si intitola In cucina con Kafka e raccoglie più di cento vignette del fumettista scozzese Tom Gauld, originariamente realizzate per il Guardian, per il New Yorker e per il New York Times, tutte nuove rispetto a quelle già pubblicate in Italia in Siete solo invidiosi del mio zaino a razzo nel 2014.

Alcune hanno per protagonisti i libri stessi, quelli che non vedono l’ora di essere letti, altri che soffrono per come sono stati adattati o che sono stati “riscoperti” e non si fanno più vedere in giro tra gli scaffali dei classici dimenticati. I protagonisti sono più spesso gli scrittori però: in cerca di una casa editrice, incerti sul genere di romanzo da scrivere, in difficoltà quando si tratta di trovare la concentrazione e mettersi al lavoro. Ci sono poi le vignette dedicate ai lettori: per esempio quelli che non sanno quale libro portarsi in vacanza e quindi li portano tutti, e quelli che organizzano la propria libreria tra “letto”, “mezzo letto”, “solo per fare scena”, “non l’avessi mai letto” e tante altre categorie che hanno poco a che fare con la letteratura.

E ancora vignette sulle fascette, sulle mode letterarie della stagione, sui modi che le case editrici si inventano per vendere copie (come pubblicare un libro di ricette di Franz Kafka), e molto spesso sulla fantascienza, per cui Gauld sembra avere una certa predilezione tra i generi letterari. Non tutte le vignette di Gauld tuttavia parlano di libri e scrittori. Una delle più divertenti tra quelle che fanno parte di In cucina con Kafka ad esempio parla di colline.

(© 2017 by Tom Gauld, originally published by Drawn & quarterly by arrangement with transatlantic Literary Agency Inc.; © 2018 Mondadori Libri S.p.A., Milano)

Poi ci sono quelle che Gauld fa per la rivista di divulgazione scientifica New Scientist e che parlano del mondo di scienziati e astronauti, un’altra nota categoria di “nerd”: per vedere queste e le altre vignette che Tom Gauld disegna di settimana in settimana, potete seguirlo anche su Twitter e Instagram.

Proprio sui social network le vignette di Gauld circolano molto tra gli addetti ai lavori del mondo editoriale italiano, tra cui l’editor di Einaudi Francesco Guglieri, che ha scritto l’introduzione a In cucina con Kafka. Guglieri paragona le parodie a fumetti di Gauld a quelle di Umberto Eco e Fruttero & Lucentini, e si dice certo che le avrebbero apprezzate. E poi le consiglia a tutti i più strenui appassionati di libri:

Alle matricole di Lettere, a chi si iscrive a una scuola di scrittura o a un master di editoria, agli alcolizzati ai tavolini dei bar che hanno fatto Lettere, un master o una scuola di scrittura, a chi inizia a lavorare in un giornale o in una casa editrice, agli alcolizzati ai tavolini dei bar che lavorano in una casa editrice.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.