Il litigio tra Salvini e il ministro degli Esteri del Lussemburgo sui migranti

Salvini stava dicendo di essere contrario all'uso dell'immigrazione per sopperire alla mancanza di forza lavoro, gli è stato ricordato dei molti italiani andati all'estero per fare esattamente quella cosa

Durante una riunione della Conferenza di Vienna sulla sicurezza e l’immigrazione – una riunione informale tra ministri di paesi dell’Unione Europea – il ministro dell’Interno italiano Matteo Salvini ha battibeccato con il ministro degli Esteri del Lussemburgo parlando di migranti. Salvini stava dicendo che è contrario all’idea che l’immigrazione possa essere usata dai paesi più ricchi per sopperire alla mancanza di forza lavoro, il ministro lussemburghese Jean Asselborn gli ha risposto ricordando i molti italiani emigranti in Lussemburgo nel dopoguerra, che lavoravano per mantenere le loro famiglie in Italia.

Una precisazione: la traduzione dal francese nei sottotitoli del video non è precisissima. Infatti «Merde alors!» non significa «Merda!», ma è più simile all’italiano «Porca vacca!».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.