I colori vivaci dello stile uiguro

Hailun Ma ha messo insieme la fotografia di moda e le sue origini in una serie di colorati ritratti scattati nello Xinjiang, in Cina

Donne e bambini con abiti colorati e abbinamenti stravaganti, fotografati su sfondi di carte da parati floreali altrettanto vivaci: sono i soggetti della cinese Hailun Ma, che li ha raccolti nel suo progetto Hometown, in cui cerca una connessione personale tra la moda e le sue origini.

Halilun Ma è nata e cresciuta nella regione autonoma dello Xinjiang, nel nord ovest della Cina, dove convivono diverse culture, tra cui quella tradizionale cinese e quella dei musulmani uiguri, gli appartenenti a una minoranza etnica da tempo in conflitto con l’autorità centrale e il partito comunista cinese.

Dopo essersi trasferita a New York per studiare fotografia di moda, Halilun Ma ha iniziato a interrogarsi su cosa significasse realmente per lei la moda, e notare le differenze tra la moda come l’aveva conosciuta a New York e lo stile degli abitanti dello Xinjiang: «Una parte di me ama la moda e quanto sia sorprendente la fotografia di moda, una grande piattaforma per mostrare la mia estetica e la mia visione. Ma un’altra parte di me, in quanto ragazza che viene da una piccola cittadina dello Xinjiang, si sentiva meno connessa. L’alta moda è lontana dallo stile di vita nello Xinjiang».

Dice di essere sempre stata affascinata dagli abiti tradizionali degli uiguri, “colorati e vibranti”, dal modo in cui li mescolano e dal loro stile. Ha cercato allora di unire la fotografia di moda e le sue origini: è tornata in Cina e si è messa in viaggio nello Xinjiang portando con sé un po’ di abiti che le ricordavano quello stile. Chiedeva alle persone che incontrava, la maggior parte sconosciute, di scegliere da sole cosa indossare, o le fotografava con quello che già indossavano. Il risultato è una serie di ritratti molto posati che sembrano le foto di moda che si vedono sulle riviste, con tappeti e sfondi colorati.

Hailun Ma ora vive e lavora a Shanghai, e potete seguirla sul suo profilo Instagram.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.