• Media
  • mercoledì 23 maggio 2018

La storia dell’eredità per Berlusconi, ricostruita dalla fonte

Il direttore dell’agenzia AGI spiega cos’è successo, cos’era falso, cos’era vero e cosa boh

Riccardo Luna, giornalista e direttore di AGI, ha ricostruito cosa l’agenzia di stampa che dirige è riuscita a scoprire e cosa ancora no sulla storia dell’anziana signora che avrebbe lasciato un’eredità da tre milioni di euro a Silvio Berlusconi. È una storia surreale che è stata data per vera da moltissimi giornali senza fare verifiche, semplicemente prendendo per buoni i contenuti di un comunicato stampa, come spesso accade, e ha diverse incongruenze e un mandante molto sospetto; ma non è nemmeno la classica bufala. La signora in questione è esistita e ha lavorato davvero a Palazzo Chigi; esiste online una copia del suo documento e anche una presunta scansione del suo testamento.

Mettetevi comodi. È una storia lunga. Vorremmo portarvi nel meraviglioso mondo – che da sempre affascina i giornalisti – dello strano ma vero. Solo che a volte si rivela strano ma falso. Un mondo dove le eredità spuntano all’improvviso, dove si trovano tesori dimenticati da parenti lontani in un baule o nell’intercapedine di un muro. Ma dove gli avvocati non sono avvocati, le Fondazioni sono fondate sul nulla visto che dove affermano di avere la sede non ci sono mai state. E dove tra documenti veri, verosimili e sicuramente falsi si genera un tale vortice che diventa un buco nero e i giornali a volte ci cascano. Noi, per dire, ci siamo cascati un paio di volte solo nell’ultimo mese. E non siamo contentissimi. Ma fa parte dei rischi del mestiere. Vuol dire che proveremo a farlo ancora meglio.

Partiamo dalla fine. Dalla storia, meravigliosa, surreale appunto, della vecchina, nubile e senza figli, che in punto di morte decide di lasciare soldi e immobili per un valore di circa tre milioni di euro a Silvio Berlusconi “per gratitudine”. Pare che lei abbia lavorato a palazzo Chigi quando il Cavaliere è stato presidente del Consiglio la prima volta. Perfetta notizia della serie “strano ma vero” che AGI manda in rete sabato sera il 19 maggio (e così fa anche un’altra grande agenzia di stampa) e che in un baleno finisce su tutti i siti web di news. Solo che poi qualcuno inizia a fare qualche verifica – meglio tardi che mai – e domenica prima il Post mette in fila le cose che non tornano (“è quasi sicuramente falsa” conclude); e poi il Corriere la bolla come “bufala”.

Di che si tratta? La notizia o la bufala, lo vedremo dopo, era arrivata nella casella email di Agi sabato 19 maggio alle 18 e 29. Anzi, era arrivata due volte. Una col titolo: “Aquilana nubile e senza figli muore e lascia tre milioni di euro a Silvio Berlusconi”. E un’altra, identica, col titolo: “Palermitana nubile e senza figli muore e lascia tre milioni di euro a Silvio Berlusconi”. La cosa non era semplice spam ma ha un senso: la defunta era originaria dell’Aquila ma pare che avesse Palermo quale ultima residenza (pare, perché non siamo ancora riusciti a verificarlo, ma non è rilevantissimo).

(continua a leggere sul sito di AGI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.