• blog
  • domenica 20 maggio 2018

La storia dei tre milioni di eredità per Berlusconi

La state leggendo su molti siti e giornali ed è quasi sicuramente falsa: ma qualcosa racconta

Molte testate giornalistiche – grandi e piccole – stanno pubblicando da ieri una notizia della classica categoria “strano-ma-vero” secondo la quale un’anziana signora abruzzese che sarebbe morta venti giorni fa avrebbe lasciato in eredità 3 milioni di euro a Silvio Berlusconi. Ne hanno scritto il Tempo, RaiNews, Libero, Huffington Post, il Fatto Quotidiano, il Giornale, tra gli altri, insieme a numerosi siti di news minori o locali (aggiornamento: RaiNews ha poi rimosso l’articolo, mentre Huffington PostFatto quotidiano lo hanno modificato scrivendo che si è rivelata una bufala). E la notizia è stata condivisa sui social network da tantissimi lettori.

La notizia è con molta evidenza falsa:
– tutti gli articoli hanno palesemente copiato e incollato la stessa notizia d’agenzia diffusa da due grosse agenzie di stampa (aggiornamento: Ansa, citata da alcuni siti come fonte, ha smentito di avere diffuso la storia) che a loro volta riprendevano lo stesso comunicato stampa: nessuno ha un’informazione di più né una di meno rispetto agli altri
– non c’è nel comunicato citato nessuna fonte verificabile, ed evidentemente nessuna è stata verificata
– dei due nomi (piuttosto comuni) indicati, uno è lo stesso dell’avvocato citato nelle famigerate notizie false che una fantomatica “Fondazione Italiana Risparmiatori” aveva spacciato nelle settimane scorse a molti giornali: fabbrica di falsificazioni con un debole per le storie di eredità. L’altro nome è quasi identico a quello della protagonista di un’altra notizia proveniente dalla stessa fonte e pubblicata a suo tempo su Repubblica.
– la Stampa, che aveva pubblicato la notizia, ha saggiamente ritenuto domenica mattina di cancellare l’articolo
– (peraltro è improbabile che un avvocato testamentario serio con un mandato professionale decida di comunicarlo alle agenzie)

Per gli stessi rigore e prudenza che ci si aspetterebbe in questi casi, possiamo dare alle testate che l’hanno diffusa il tempo di trovarne maggiori conferme, prima di considerarla definitivamente falsa. Quello che è già chiaro – persino se accantonassimo il tema del suo essere vera o falsa – è che i comunicati stampa sono ripresi dalle agenzie come se fossero notizie affidabili, e che nessuno di questi viene minimamente verificato, in diverse redazioni di giornali molto letti.

Mostra commenti ( )