La nuova bozza del programma Lega-M5S

Dovrebbe essere la versione definitiva: ora sarà esaminata un'ultima volta da Salvini e Di Maio, che dovranno anche scegliere il futuro presidente del Consiglio

(ANSA/ FRAME VIDE M5S)

Giovedì è stata pubblicata una nuova bozza del “contratto di programma” (qui il testo integrale), il documento a cui da giorni stanno lavorando il Movimento 5 Stelle e la Lega e che dovrebbe costituire il progamma del futuro governo italiano. La bozza è datata “17 maggio ore 11”.

Leggi: il testo integrale dell’ultima bozza di programma

Dovrebbe essere il documento finale prodotto dal gruppo di lavoro formato da parlamentari ed esperti dei due partiti; ora verrà esaminato dai due leader, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, che avranno il compito di decidere su alcuni importanti aspetti ancora non chiariti, come l’euro e i rapporti con l’Europa. I punti principali della bozza sono:

• L’introduzione di un sussidio di disoccupazione (impropriamente chiamato “reddito di cittadinanza”) per coloro che si trovano in condizioni di povertà relativa e che ammonta a circa 780 euro a persona, per un costo totale di 17 miliardi di euro l’anno. Alcuni dettagli dovranno essere discussi dai due leader;
• Un taglio delle tasse sul reddito di lavoro (impropriamente chiamata “flat tax”) che prevede l’introduzione di due aliquote IRPEF al 15 e al 20 per cento e un’aliquota fissa al 15 per cento per le società. L’esatto importo delle aliquote dovrà essere discusso dai due leader;
• L’introduzione del vincolo di mandato per i parlamentari, apparentemente ispirato all’articolo 160 della Costituzione portoghese, secondo la quale decade dal seggio il parlamentare che si iscrive a un partito diverso da quello con cui è stato eletto;
• Si parla della possibilità di modificare i trattati europei, ma i due leader dovranno decidere come. Al momento nel contratto è presente un riferimento alla possibilità di uscire dalla moneta unica, ma è una parte soggetta a possibile revisione da parte dei due leader;
• Si parla di aumento delle espulsioni degli immigrati irregolari e della creazione di centri per il rimpatrio e le espulsioni, ma i dettagli e le dimensioni di queste operazioni di rimpatrio dovranno essere decise dai due leader;
• Nel programma si parla ancora dell’istituzione di un “governo ombra”, chiamato “comitato di riconciliazione” che avrà il compito di risolvere le controversie nate all’interno della coalizione. L’organo sarà formato dal presidente del Consiglio, dai ministri competenti per la questione discussa, dai due leader di partito e dai capigruppo. I compiti del “comitato” sono stati ridotti in seguito alle pesanti critiche ricevute in questi giorni;

Di Maio e Salvini dovranno affrontare il punto più problematico dell’intero accordo di governo: la scelta del futuro presidente del Consiglio. Sui giornali circolano diversi nomi, ma secondo molti Di Maio non avrebbe ancora rinunciato all’ipotesi di assumere lui stesso l’incarico e starebbe ancora cercando di trattare con Salvini per ottenere il posto.

La prima bozza, pubblicata martedì sera, aveva suscitato forti polemiche in particolare per i suoi accenni alla possibilità concreta di uscita dall’euro e per i suoi toni estremamente euroscettici, che avevano spinto molti a preoccuparsi delle reali intenzioni del futuro governo di coalizione. Dopo mesi di calma mercoledì mattina lo spread è tornato a salire, un segno che indica il nervosismo degli investitori per l’evolversi della situazione italiana.

Se le trattative dovessero concludersi con successo, il contratto sarà sottoposto all’approvazione degli elettori dei due partiti nel corso del fine settimana. Il Movimento 5 Stelle lo farà votare ai suoi iscritti sulla piattaforma Rousseau, mentre la Lega svolgerà una consultazione informale di tutti gli elettori del centrodestra (le modalità non sono ancora del tutto chiare, ma si parla della presenza di banchetti in cui votare in varie città italiane).

Mostra commenti ( )