• Sport
  • sabato 5 maggio 2018

Chi allenerà chi, dalla prossima stagione

Al termine dei campionati di calcio molte grandi squadre europee si separeranno dai loro attuali allenatori, e dovranno sostituirli

Massimiliano Allegri al Santiago Bernabeu prima di Real Madrid-Juventus (JAVIER SORIANO/AFP/Getty Images)

Come un po’ tutte le annate calcistiche con un Mondiale in mezzo, il 2018 potrebbe portare grosse novità nel panorama calcistico internazionale. Le più importanti, stando alle ultime notizie e ai cambiamenti già annunciati, riguarderebbero gli allenatori. Al termine della stagione in corso infatti diverse grandi squadre europee si separeranno dai propri allenatori, che quindi dovranno sostituire con i migliori disponibili sul mercato. La scelta è ampia e riguarda soprattutto il calcio italiano, i cui allenatori sono fra i più apprezzati all’estero e le cui due squadre più importanti — Juventus e Napoli — sembrerebbero in procinto di cambiamenti importanti. In tutto questo, anche la Nazionale di calcio italiana è tuttora senza allenatore e a breve dovrà annunciarne uno nuovo.

Partendo propio dalla Nazionale, da settimane i principali siti d’informazione sportiva danno come sempre più probabile la nomina di Roberto Mancini come nuovo commissario tecnico. Sembra che Mancini non abbia buoni rapporti con la sua attuale squadra, lo Zenit San Pietroburgo, quinto nel campionato russo ed eliminato dall’Europa League agli ottavi nonostante gli investimenti milionari fatti la scorsa estate. A questo si aggiungerebbe inoltre lo scarso interesse per l’incarico dimostrato da Antonio Conte e Carlo Ancelotti, gli altri due principali candidati. L’ufficialità potrebbe arrivare già il 13 maggio, sette giorni prima della data annunciata mesi fa dal sub-commissario della FIGC Alessandro Costacurta.

Le altre due situazioni più incerte riguardano Juventus e Napoli. La Juventus è vicina al suo settimo Scudetto di fila e per questo non ha fatto trapelare nessuna indiscrezione sul futuro in squadra del suo allenatore, Massimiliano Allegri, il cui ciclo alla Juventus sembrerebbe però concluso, dopo i successi mancati in Champions League e le recenti lamentele sullo stile di gioco della squadra, per molti al di sotto della potenzialità della rosa.

Le ultime voci danno come favorito Carlo Ancelotti, uno degli allenatori più vincenti e apprezzati in Europa, che in Italia – oltre a Parma e Milan – allenò anche la Juventus tra il 1999 e il 2001 (ottenne due secondi posti in classifica). Ancelotti è stato esonerato dal Bayern Monaco lo scorso settembre, pochi mesi dopo aver vinto la Bundesliga, e negli ultimi ha fatto capire di preferire una squadra di club alla Nazionale.

Carlo Ancelotti durante una conferenza stampa a Ginevra, lo scorso aprile (Robert Hradil/Getty Images)

Per quanto riguarda il Napoli, la squadra attuale sembra essere arrivata alla fine di un ciclo. La sua è stata pur sempre una delle storie più entusiasmanti del calcio italiano ed europeo, e Maurizio Sarri è probabilmente uno degli allenatori più ricercati in questo momento. Di recente il presidente Aurelio De Laurentiis ha detto di voler tenere Sarri anche per la prossima stagione ma ha detto anche che la decisione spetta principalmente allo stesso Sarri, che per ora non ha comunicato nulla. Si sta parlando con insistenza di un interessamento nei suoi confronti del Chelsea, i cui rapporti con Antonio Conte si sono incrinati nel corso dell’ultima stagione.

Dal futuro di Conte al Chelsea dipenderanno anche le scelte delle altre squadre europee. Per l’incarico si parla di Sarri ma anche di Luis Enrique, ex allenatore del Barcellona. Nel campionato inglese, tuttavia, l’interesse è quasi tutto sull’Arsenal, che al termine della stagione si separerà da Arsene Wenger dopo 22 anni di incarico. Per il suo ruolo si parla soprattutto di Patrick Vieira, che allena il New York FC e in passato è stato una bandiera della squadra, ma anche di Allegri e Ancelotti. In Germania, invece, il Bayern Monaco ha già annunciato il suo nuovo allenatore: sarà il croato Niko Kovac, che sta dirigendo l’Eintracht Francoforte nelle sue ultime partite di questa stagione e poi si trasferirà a Monaco, dove giocò dal 2001 al 2003.

Infine il Paris Saint-Germain, il cui attuale allenatore, lo spagnolo Unai Emery, lascerà l’incarico a fine stagione: il suo sostituto sarà con ogni probabilità il tedesco Thomas Tuchel, ex allenatore del Borussia Dortmund. L’annuncio non è ancora stato fatto e arriverà probabilmente dopo l’ultima di campionato. Ai nomi citati potrebbero aggiungersi quelli degli allenatori impegnati nella Coppa del Mondo in Russia, che in base ai risultati ottenuti al termine del torneo potrebbero trovare rapidamente una squadra di club da allenare per la nuova stagione.