Camel Cigarette Dear Shirley di Hinda Schuman

Cara Shirley

Hinda Schuman racconta con foto e lettere la fine di due amori: il suo matrimonio di dieci anni con un uomo e quello di 27 con una donna

Dear Shirley è il racconto fotografico con cui Hinda Schuman racconta la fine di due storie d’amore: il suo matrimonio di 10 anni con Jeremy e la sua relazione di 27 con Susan, che ha sempre considerato un matrimonio. Lo fa attraverso fotografie scattate in più di 30 anni e le lettere e email che ha scritto alla sua amica Shirley prima e a Susan poi.
Dear Shirley. A True Story è ora un libro che verrà pubblicato a maggio da Daylight Books, e leggendolo si ha l’impressione di entrare nella sfera più intima di una persona, di sbirciare le sue confidenze e la sua storia.

Nell’introduzione al libro la fotografa Magdalena Solé scrive: «L’arte delle sue immagini sta nelle inquadrature insolite, nei tagli particolari, nel ritmo degli occhi aperti e chiusi. La tenerezza dei suoi nudi rivela la vulnerabilità dei soggetti, e noi ne restiamo ammaliati. Ci sentiamo come se avessimo dato una breve occhiata a un diario personale e a momenti privati che di solito non vengono rivelati».

Il libro inizia con l’invito a nozze per il matrimonio di Schuman e Jeremy. La prima parte parla della fine del loro matrimonio, dei loro problemi e della presenza di una terza donna, ed è piena di rabbia e frustrazione. Schuman ha sposato Jeremy nel 1971 e ha divorziato nel 1981. Lo stesso anno ha conosciuto Susan e sono rimaste insieme fino al 2009. Il libro parla delle due rotture, ma finisce con una nota positiva: Schuman e Susan sono tornate insieme e si sono sposate nel febbraio 2014 a New York.
Della fine delle due storie, Schuman ha detto: «Il primo divorzio sembrava un’opportunità, il secondo un totale fallimento».
Nella storia delle due separazioni se ne inserisce infine una terza: la fine dell’amicizia con Shirley, che a un certo punto, scrive Schuman, smette di rispondere alle sue lettere e di farsi sentire.

Hinda Schuman ha lavorato come fotografa per il Philadelphia Inquirer per vent’anni e ha spiegato che questo le sembrava un buon momento per pubblicare un libro che parlasse di matrimoni tra persone dello stesso sesso, proprio mentre aumentano gli stati che li riconoscono.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.