Il primo ministro ungherese, Viktor Orbán (ATTILA KISBENEDEK/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • lunedì 9 aprile 2018

Viktor Orbán ha vinto ancora in Ungheria

Sarà per la terza volta primo ministro: il suo partito Fidesz ha ottenuto la maggioranza dei seggi

Il primo ministro ungherese, Viktor Orbán (ATTILA KISBENEDEK/AFP/Getty Images)

Il primo ministro uscente dell’Ungheria, Viktor Orbán, ha vinto le elezioni di domenica ottenendo il suo terzo mandato alla guida del paese. Il suo partito conservatore e populista Fidesz (Unione Civica Ungherese) ha ottenuto il 49,5 per cento dei voti, oltre il doppio dell’altro partito nazionalista e di estrema destra Jobbik (Movimento per un’Ungheria Migliore), che si è fermato al 20 per cento. L’affluenza è stata del 69 per cento, molto alta per l’Ungheria, e in diversi seggi si è continuato a votare ben oltre le 19, a causa delle lunghe code. L’alta affluenza sembrava potesse favorire i partiti di opposizione a Orbán, ma così non è stato.

Commentando i risultati elettorali nella notte, Orbán ha detto che la nuova vittoria elettorale deve essere vista come un’opportunità per gli ungheresi di “potersi difendere e di difendere l’Ungheria”. Fidesz da solo dovrebbe ottenere 133 seggi sui 199 disponibili in Parlamento, garantendosi quindi una larghissima maggioranza per governare e anche cambiare la Costituzione. Risultati analoghi erano stati registrati alle precedenti elezioni politiche del 2014 e a quelle del 2010. Fidesz è andato molto bene nelle aree rurali e nelle piccole città di provincia, mentre nella capitale Budapest hanno prevalso i partiti avversari. Secondo le proiezioni e i calcoli diffusi finora, Fidesz ha inoltre perso il voto di una parte consistente dei giovani.

Il leader di Jobbik, Gabor Vona, si è dimesso dalla direzione del partito in seguito al risultato elettorale al di sotto delle aspettative. Alla stampa ha spiegato che l’obiettivo di Jobbik era vincere e indurre un cambiamento al governo, che invece non potrà avvenire. Anche il leader del Partito Socialista Ungherese, che ha ottenuto il 12 per cento dei voti, ha annunciato le proprie dimissioni. Il leader Gyula Molnar ha detto di assumersi le responsabilità per quanto accaduto e di aver preso atto della volontà degli elettori.

Orbán è noto per essere, tra le altre cose, un convinto euroscettico e per le sue dure politiche contro i migranti. In più occasioni durante la campagna elettorale Orbán aveva detto di volere adottare politiche ancora più severe, soprattutto per impedire i flussi migratori dai paesi musulmani. Nel 2015 il governo ungherese aveva ricevuto molte critiche per la costruzione di una rete lungo i confini con Serbia e Croazia per fermare l’arrivo dei migranti.

In questi anni Orbán è stato inoltre uno dei capi di governo più euroscettici all’interno dell’Unione Europea. È contrario a qualsiasi processo che porti a una maggiore integrazione europea e si è rifiutato di collaborare con gli altri paesi nella gestione della crisi dei migranti. Nel corso della campagna elettorale ha elogiato il presidente russo Vladimir Putin, ha promesso tagli alle tasse e l’adozione di nuove politiche per rilanciare l’economia del paese. Ha rifiutato confronti televisivi con i principali leader dell’opposizione e con i giornalisti. Il governo di Orbán negli anni passati ha approvato leggi che di fatto limitano la libertà di stampa nel paese.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.